Riscossione: il legale rappresentante del Concessionario che non riversa gli importi spettanti all’Ente commette delitto di peculato continuato

Riscossione: il legale rappresentante del Concessionario che non riversa gli importi spettanti all’Ente commette delitto di peculato continuato

Nella Sentenza n. 46235 del 21 settembre 2016 della Corte di Cassazione, un soggetto è stato ritenuto responsabile del delitto di peculato continuato per essersi appropriato, in qualità di legale rappresentante di una Società concessionaria del “Servizio di riscossione Tributi” di un Comune, di una determinata somma appartenente all’Ente affidante, omettendo di riversare all’Ente Locale il denaro riscosso dai contribuenti a titolo d’Imposta comunale sulla pubblicità e di diritti sulle pubbliche affissioni.

La Suprema Corte evidenzia al riguardo che l’art. 358, del Cp., definisce “Incaricati di un pubblico servizio” coloro i quali, a qualunque titolo, prestano

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Sostituti d’imposta: istituiti i codici-tributo per la compensazione delle somme rimborsate ai percipienti e delle eccedenze di versamento

L’Agenzia delle Entrate – Direzione centrale Servizi ai contribuenti, con la Risoluzione n. 13/E del 10 febbraio 2015, ha istituito

Imis: istituiti i codici-tributo per il versamento dell’Imposta tramite “F24” nella Provincia autonoma di Trento

Con la Risoluzione n. 51/E del 21 maggio 2015, l’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici-tributo per il versamento tramite

Tasi: mancata conversione del Dl. n. 88/14, ma le disposizioni erano già entrate in vigore con la pubblicazione della Legge n. 89/14

Con un Comunicato pubblicato sulla G.U. n. 185 dell’11 agosto 2014, il Ministero della Giustizia ha reso nota la mancata