Scorrimento delle graduatorie: rimesso alla discrezionalità dell’Amministrazione

Scorrimento delle graduatorie: rimesso alla discrezionalità dell’Amministrazione

Nella Sentenza n. 27823 del 1° luglio 2015 della Corte di Cassazione, in presenza di graduatorie concorsuali valide ed efficaci, l’Amministrazione, se stabilisce di provvedere alla copertura dei posti vacanti, deve motivare la determinazione riguardante le modalità di reclutamento del personale, anche qualora scelga l’indizione di un nuovo concorso, in luogo dello scorrimento delle graduatorie vigenti. In sostanza, non viene commesso il reato di abuso d’ufficio dal Funzionario pubblico che usufruisce della graduatoria di un concorso per coprire un posto vacante, lasciato libero per mobilità interna, in contrasto con il bando che limitava l’utilizzazione della graduatoria alla sola assunzione dei 2 vincitori. Infatti, un bando di concorso può essere derogato per esigenze della stessa Pubblica Amministrazione.

Sentenza n. 27823 del 1° luglio 2015 della Corte di Cassazione


Related Articles

“Whistleblowing”: archiviate le segnalazioni di illeciti o irregolarità nella P.A. inviate all’Anac prima del 29 dicembre 2017

Le segnalazioni di illeciti o irregolarità inviate all’Anac prima del 29 dicembre 2017 sono state archiviate il 12 settembre scorso.

“Banca-dati nazionale dei Contratti pubblici”: disciplinate le modalità di accesso ai dati ivi contenuti

Sulla G.U. n. 80 del 6 aprile 2018 è stata pubblicata la Delibera Anac 1° marzo 2018, n. 264, recante

Definizione di “prima casa” per l’applicazione dell’agevolazione fiscale

Nell’Ordinanza n. 13118 del 16 maggio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, in materia di