“Servizi Sociali”: sancito l’accordo in Conferenza unificata sulle linee guida per le misure “anti povertà”

“Servizi Sociali”: sancito l’accordo in Conferenza unificata sulle linee guida per le misure “anti povertà”

Aiuti ai cittadini che non riescono a pagare gli affitti a causa di perdita di reddito nel nucleo familiare ed innalzamento dell’importo massimo del contributo che passa da 8.000 a 12.000 Euro. Sono alcune delle misure previste nelle “Linee guida” per la predisposizione di progetti di contrasto alla povertà, sulle quali Governo ed Enti Locali hanno raggiunto un accordo ieri, 11 febbraio 2016, nell’ambito della Conferenza Unificata.

L’accordo sancito oggi in sede di Conferenza Unificata – si legge nella Nota diffusa dall’Anci – potrà contare per il 2016 su 380 milioni di Euro e prevede l’impegno di Governo ed Enti Locali a dare promozione e diffusione a queste linee guida, considerate principale riferimento per l’attuazione del sostegno per l’inclusione attiva (Sia)”.

Questi adempimenti implicheranno, secondo il Vice-Presidente Anci e delegato al Personale, Umberto Di Primio, “uno sforzo ulteriore per la macchina amministrativa dei Comuni, già in forte sofferenza per via del blocco del turn-over. Per questo chiediamo una programmazione pluriennale, l’introduzione di procedure informatiche più efficaci e veloci e un sostegno finanziario ulteriore, qualora le risorse si dimostrassero inadeguate”.


Related Articles

“Pnrr”: è attivo il Portale “Capacity Italy” per supportare gli Enti nella realizzazione degli Interventi del “Piano”

Sul sito di “Italia Domani”, con la Notizia 20 giugno 2022, si rende noto che è online “Capacity Italy”, un

Informazioni Antimafia: le verifiche vanno effettuate anche alle attività soggette a Scia

Nella Sentenza n. 6057 del 2 settembre 2019 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che le informazioni Antimafia si

Rup: nei contratti pubblici assume il ruolo di Responsabile dei lavori ai fini del rispetto delle norme in materia di sicurezza

Nel Parere Anac n. 228 del 16 dicembre 2015, il quesito riguarda la legittimità della previsione della lettera di invito