Sforamento del limite della spesa del personale a tempo determinato

Sforamento del limite della spesa del personale a tempo determinato

Nella Delibera n. 137 del 30 maggio 2017 della Corte dei conti Molise, un Sindaco chiede se è:

  • possibile attivare contratti di assunzione di collaborazione coordinata e continuativa per la realizzazione del progetto di attuazione (annualità 2015) della Legge n.482/99 a tutela delle minoranze linguistiche e storiche con scadenza oltre il limite del 31 dicembre 2017, anche se stipulati nel corso del corrente anno 2017;
  • possibile lo sforamento del limite della spesa del personale a tempo determinato, considerato che l’intero importo previsto dal progetto viene interamente rimborsato dal Ministero per gli Affari regionali e comunque per la realizzazione di un progetto volto alla tutela delle minoranze linguistiche e storiche.

La Sezione ritiene inammissibile il primo quesito, mentre con riferimento al secondo quesito afferma che il Comune in questione non potrà procedere alla conclusione di contratti di assunzione per collaborazione coordinata e continuativa per la realizzazione del progetto di attuazione (annualità 2015) della Legge n. 482/99 a tutela delle minoranze linguistiche e storiche, ove ciò comporti lo sforamento del limite della spesa del personale a tempo determinato, anche nell’eventualità in cui l’intero importo previsto dal progetto venga interamente rimborsato dal Ministero per gli Affari regionali.


Related Articles

Assunzioni di personale: possibilità utilizzo residuo assunzionale del 2013

Nella Delibera n. 93 del 13 luglio 2016 della Corte dei conti Piemonte, la richiesta di parere riguarda la possibilità

Trasformazione del rapporto di lavoro da part-time a tempo pieno: incidenza sulle capacità assunzionali

Nella Delibera n. 62 del 31 ottobre 2019 della Corte dei conti Basilicata, un Sindaco ha chiesto se la trasformazione

Individuazione del criterio di calcolo della misura delle indennità degli Amministratori degli Enti Locali

Nella Delibera n. 94 del 12 settembre 2018 della Corte dei conti Piemonte, un Comune chiede se, ai fini dell’individuazione