Sindaco: per il Tar non può correggere gli atti dei Dirigenti

Sindaco: per il Tar non può correggere gli atti dei Dirigenti

 

Nella Sentenza n. 1206 del 21 maggio 2015 del Tar Sicilia, Palermo, Sezione Prima, i Giudici affermano che è da escludersi che l’ordinamento conosca un potere di avocazione di singoli affari in capo al Sindaco o un suo potere di intervento per rimediare ad eventuali atti illegittimi compiuti dai Dirigenti preposti agli uffici comunali. Inoltre negli Enti Locali la competenza a provvedere in sede di autotutela va riconosciuta solo allo stesso organo che ha emanato l’atto illegittimo.

Sentenza n. 1206 del 21 maggio 2015 del Tar Sicilia


Related Articles

Invarianza della spesa per le attività relative allo status di Amministratore locale

Nella Delibera n. 324 del 22 novembre 2017 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco chiede un parere avente ad

Responsabilità amministrativa: condanna del Sindaco e del Direttore generale per conferimento irregolare di una qualifica

Corte dei conti – Sezione prima giurisdizionale centrale d’appello – Sentenza n. 272 del 15 aprile 2015 Oggetto Condanna del

“Decreto P.A.”: al via la riforma della Pubblica Amministrazione, le numerose novità introdotte per gli Enti Locali dal Dl. n. 90

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 144 del 24 giugno 2014 il Dl. 24 giugno 2014, n. 90, recante “Misure