“Soccorso istruttorio”: non può essere utilizzato per supplire a carenze dell’offerta

“Soccorso istruttorio”: non può essere utilizzato per supplire a carenze dell’offerta

Nella Sentenza n. 1320 del 23 marzo 2017 del Consiglio di Stato, una Società partecipava ad una gara per l’aggiudicazione del “Servizio di manutenzione ordinaria, preventiva e correttiva della rete di monitoraggio della qualità dell’aria” di una Regione, dalla quale veniva però esclusa per aver presentato un’offerta condizionata, ritenuta inammissibile dalla stazione appaltante. Secondo il ricorrente, l’irregolarità dell’offerta avrebbe potuto essere sanata attraverso il “soccorso istruttorio integrativo” ai sensi degli artt. 38, commi 2-bis e 46, comma 1-ter, del Dlgs. n. 163/06, nonché anche ai sensi di un articolo del disciplinare.

I Giudici chiariscono che il “soccorso istruttorio” non può essere utilizzato per supplire a carenze dell’offerta, sicché non può essere consentita al concorrente la possibilità di completare l’offerta successivamente al termine finale stabilito dal bando, salva la rettifica di errori materiali o refusi. Nel caso di specie, non si è di fronte ad un mero errore materiale o ad un refuso, ma ad una vera e propria, inammissibile, eterointegrazione delle condizioni del bando di gara.

Infatti, l’errore materiale consiste in una fortuita divergenza fra il giudizio e la sua espressione letterale, cagionata da mera svista o disattenzione nella redazione dell’offerta che deve emergere “ictu oculi”. In definitiva, l’errore materiale non esige alcuna attività correttiva del giudizio, che deve restare invariato, dovendosi semplicemente modificare il testo in una sua parte, per consentire di riallineare in toto l’esposizione del giudizio alla sua manifestazione.

In conclusione, al di fuori del mero refuso materiale direttamente verificabile dalla Commissione di gara, non è ammissibile alcuna manipolazione dell’offerta neppure attraverso il soccorso istruttorio integrativo a pagamento. Inoltre, nella fattispecie in esame, si trattava di una offerta condizionata e pertanto inaccettabile.


Related Articles

Processo tributario: il coobbligato d’imposta può avvalersi del giudicato favorevole emesso in un giudizio promosso da altro obbligato

La Sentenza n. 12766 del 19 giugno 2015, della Corte di Cassazione, si esprime in merito all’estensione, ex art. 1306

Appalto pubblico: non vi può essere apportata una modifica sostanziale senza l’avvio di una nuova procedura di aggiudicazione

Nella Sentenza C-549/14 del 7 settembre 2016 della Corte di Giustizia europea, i Giudici si esprimono sull’interpretazione dell’art. 2 della

Beni e attività culturali: stop agli ingressi gratuiti nei musei per gli “over 65”

Con il Decreto 27 giugno 2014, n. 94, pubblicato sulla G.U. n. 149 del 30 giugno 2014, il Ministero dei