Società “in house”: condizioni di partecipazione dei privati

Società “in house”: condizioni di partecipazione dei privati

Nel Parere n. 1389 del 7 maggio 2019 del Consiglio di Stato, i Giudici hanno precisato 3 Principi di fondamentale importanza in merito alle condizioni di partecipazione dei privati alle Società “in house”:

1) che nel Settore dei “Servizi idrici”, sino a quando una specifica disposizione di Legge nazionale, diversa dagli artt.  5 del Dlgs. n. 50/2016 e 16 del Dlgs. n. 175/2016, non stabilirà la possibilità per i privati di partecipare ad una Società “in house”, indicando anche la misura della partecipazione, la modalità di ingresso del socio privato, il ruolo all’interno della Società e i rapporti con il socio pubblico, deve ritenersi preclusa al privato la partecipazione alla Società “in house”;

2) che l’art. 149-bis del Dlgs. n. 152/2006, nella parte in cui effettua un richiamo all’ “ordinamento europeo”, non permette, allo stato, la partecipazione dei privati alla Società “in house” perché proprio il richiamo all’ordinamento europeo effettuato dalla predetta norma nazionale impone una specifica previsione nazionale che ammetta, e disciplini, la partecipazione dei privati alle Società “in house”;

3) che, in attesa della decisione della Corte di giustizia dell’Unione europea, a prescindere dall’eccezionalità o meno del citato “in house providing” le norme che disciplinano tale istituto vanno interpretate restrittivamente anche per evitare che applicazioni analogiche, di fatto ampliandone il ricorso, possano trasformarsi in una lesione della concorrenza che come è noto è tra i Principi dell’Unione.


Related Articles

Trasporti pubblici: la giurisdizione sulla controversia contro il gestore del servizio è del Giudice ordinario

Nella Sentenza n. 54 del 9 gennaio 2015 del Tar Campania, i Giudici rilevano che la materia di pubblici servizi

“Ddl. Stabilità 2016”: parametri prezzo-qualità Consip anche per le Società pubbliche

Anche le Società pubbliche dovranno fare i conti con i “prezzi benchmark”. A stabilirlo è l’art. 1, comma 266, del

Imponibile Ici: variazioni catastali hanno effetto dall’anno successivo a quello di annotazione anche se il contribuente usala Procedura Docfa

Nell’Ordinanza n. 11849 del 12 maggio 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa concerne un avviso di accertamento Ici

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.