Società “in house”: responsabilità degli Amministratori per spese che superano quanto autorizzato dal Comune azionista e concedente

Società “in house”: responsabilità degli Amministratori per spese che superano quanto autorizzato dal Comune azionista e concedente

Nella Sentenza n. 364 del 4 dicembre 2017 della Corte dei conti Lazio, vengono convenuti in giudizio il Presidente e i Componenti del Cda di una Società “in house” creata per la gestione di “servizi pubblici” e del Patrimonio comunale. In particolare, viene chiesta la condanna al pagamento in favore del Comune in questione di Euro 1.557.413,20, oltre interessi e rivalutazione, per il presunto danno erariale corrispondente alle complessive perdite patrimoniali subìte nel corso del triennio 2005/2007 dall’Ente Locale a causa della ricapitalizzazione della Società.

Dunque, la questione è caratterizzata da fenomeni di “mala gestio

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Tfr in busta paga: siglato l’Accordo-quadro tra Mef, Ministero del Lavoro e Abi

Con una Nota pubblicata il 24 marzo 2015 sul proprio sito istituzionale, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha annunciato

Anticorruzione: Giornata nazionale d’incontro dei Responsabili della prevenzione della corruzione in servizio presso le Pubbliche Amministrazioni

E’ stato pubblicato sulla pagina web istituzionale dell’Anac il Comunicato del Presidente Cantone che, facendo seguito ad una lettera trasmessa

Trasparenza e corruzione: la Funzione pubblica ricorda che le comunicazioni devono essere inoltrate all’Anac

Con il Comunicato 23 febbraio 2015, il Dipartimento della Funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha ricordato che,