Società partecipate: compenso di Amministratori

Società partecipate: compenso di Amministratori

Nella Delibera n. 10 del 29 marzo 2018 della Corte dei conti Basilicata, un Sindaco ha chiesto un parere avente ad oggetto la determinazione del compenso spettante all’Amministratore unico di una Società “in house” di un Comune. La Sezione afferma la tassatività della norma di cui all’art. 4, comma 4, del Dl. n. 95/12, anche in caso di aumentata complessità della gestione sociale, evenienza che si verifica peraltro soltanto in caso di modifica dell’oggetto sociale statutariamente intervenuta successivamente all’accettazione dell’incarico da parte dell’Amministratore designato e che non può trovare equivalenti nello svolgimento di attività già originariamente previste in Statuto ma precedentemente di fatto non esercitate.


Related Articles

Blocco assunzioni per le Società in controllo pubblico: prima Pronuncia della Corte dei conti

La Corte dei conti, Sezione Abruzzo, con la Deliberazione n. 252 del 21 dicembre 2016, si è pronunciata in merito

Società “in house”: la Corte dei conti individua gli elementi identificativi

Nota a Sentenza Corte dei conti Lombardia n. 49/2018   Con la Sentenza n. 49/2018, la Corte dei conti della

Consorzi di Enti Locali: i membri del Consiglio di Amministrazione possono percepire compensi?

Il testo del quesito: “Si chiede se sia applicabile l’art. 5, comma 7, o l’art. 6, comma 2, del Dl.