Società partecipate: compenso di Amministratori

Società partecipate: compenso di Amministratori

Nella Delibera n. 10 del 29 marzo 2018 della Corte dei conti Basilicata, un Sindaco ha chiesto un parere avente ad oggetto la determinazione del compenso spettante all’Amministratore unico di una Società “in house” di un Comune. La Sezione afferma la tassatività della norma di cui all’art. 4, comma 4, del Dl. n. 95/12, anche in caso di aumentata complessità della gestione sociale, evenienza che si verifica peraltro soltanto in caso di modifica dell’oggetto sociale statutariamente intervenuta successivamente all’accettazione dell’incarico da parte dell’Amministratore designato e che non può trovare equivalenti nello svolgimento di attività già originariamente previste in Statuto ma precedentemente di fatto non esercitate.


Related Articles

Società affidatarie di “servizi pubblici”: i chiarimenti della Corte Umbria su alcune novità introdotte dal “Testo unico”

Nella Delibera n. 93 del 12 settembre 2017 della Corte dei conti Umbria, un Sindaco ha chiesto un parere sulla

Personale: la Corte Valle d’Aosta conferma l’illegittimità del trasferimento da una Società “in house” ad un Ente pubblico

Nella Delibera n. 10 del 10 agosto 2017 della Corte dei conti Valle d’Aosta, la questione controversa in esame riguarda

Aziende speciali: ordinamento giuridico-contabile alla luce dei più importanti interventi normativi degli ultimi anni 

Le previsioni del Tuel in materia di Aziende speciali Le Aziende speciali sono disciplinate dall’art. 114 del Tuel (Dlgs. n.