Società pubbliche: gli Enti Locali non possono costituirne una per gestire un servizio già affidato ad una partecipata che è fallita

Società pubbliche: gli Enti Locali non possono costituirne una per gestire un servizio già affidato ad una partecipata che è fallita

 

Nella Delibera n. 143 del 20 settembre 2017 della Corte dei conti Sicilia, viene chiesto un parere sulla possibilità che un Comune, nell’ambito dell’attività di ricognizione straordinaria delle proprie partecipazioni disposta dall’art. 24 del Dlgs. n. 175/16, preveda la dismissione delle Società che versino nella condizione di cui all’art. 14, comma 6, del medesimo Decreto, a mente del quale è vietato alle Amministrazioni di costituire nuove Società ovvero di acquisire o mantenere partecipazioni societarie nei medesimi settori in cui hanno operato Società partecipate dichiarate fallite.

La Sezione chiarisce che il fallimento della Società a partecipazione pubblica determina la cessazione

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Jobs Act”: approvati 2 nuovi Decreti attuativi

  Nel Consiglio dei Ministri dell’11 giugno 2015, su proposta del Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Giuliano Poletti,

Edilizia scolastica: al via il bando Miur per la valorizzazione e il recupero di ambienti inutilizzati

Recuperare spazi inutilizzati, stimolare la creatività degli studenti, combattere la dispersione scolastica: sono alcuni degli obiettivi del bando lanciato dal

Aziende speciali: ordinamento giuridico-contabile alla luce dei più importanti interventi normativi degli ultimi anni 

Le previsioni del Tuel in materia di Aziende speciali Le Aziende speciali sono disciplinate dall’art. 114 del Tuel (Dlgs. n.