Somme del “Fondo per le demolizioni delle opere abusive”: rientrano fra le forme di indebitamento di cui all’art. 202 Tuel

Somme del “Fondo per le demolizioni delle opere abusive”: rientrano fra le forme di indebitamento di cui all’art. 202 Tuel

Nella Delibera n. 100 del 1° agosto 2018 della Corte dei conti Campania, viene chiesto un parere in merito all’interpretazione dell’art. 32, comma 12, del Dl. n. 269/03, convertito dalla Legge n. 326/03. In particolare, il quesito era volto a comprendere se le somme del “Fondo per le demolizioni delle opere abusive”, erogate da Cassa Depositi e Prestiti, rientrino o meno fra le forme di indebitamento di cui all’art. 202 del Dlgs. n. 267/00 (Tuel).

La Sezione rileva che l’art. 32, comma 12, del Dl. n. 269/03, ha introdotto nell’ordinamento nuove “misure per la riqualificazione urbanistica, ambientale e paesaggistica, per l’incentivazione dell’attività di repressione dell’abusivismo edilizio, nonché per la definizione degli illeciti edilizi e delle occupazioni di aree demaniali”. Nell’ambito di queste misure, è stata autorizzata la Cassa Depositi e Prestiti a costituire un Fondo di rotazione dell’importo massimo di 50 milioni di Euro, denominato “Fondo per le demolizioni delle opere abusive”, finalizzato a concedere ai Comuni anticipazioni senza interessi per finanziare i costi relativi agli interventi di demolizione delle opere abusive. La natura di anticipazione e l’obbligo di restituzione, sia pure in assenza di interessi, implica che le somme del “Fondo per le demolizioni delle opere abusive” erogate dalla Cassa Depositi e Prestiti rientrino fra le forme di indebitamento alle quali possono ricorrere gli Enti Locali ai sensi dell’art. 202 del Tuel. Peraltro, a questa conclusione è pervenuta anche la Cassa stessa che, nell’ambito della disciplina contrattuale alla quale subordina l’accesso al “Fondo”, prevede il rilascio da parte degli Enti Locali della delegazione di pagamento irrevocabile e pro solvendo a valere sulle entrate afferenti ai primi tre titoli del bilancio annuale, prevista dall’art. 206 del Tuel.


Related Articles

Affidamento “Servizio igiene urbana”: iscrizione all’Albo dei Gestori ambientali non è cedibile con lo schema del contratto di avvalimento

Nella Sentenza n. 5070 del 6 novembre 2015 del Consiglio di Stato, i Giudici precisano che l’iscrizione all’Albo nazionale dei

Bilancio di previsione 2015: la scadenza per l’approvazione è prorogata al 31 marzo 2015

Con il Comunicato 18 dicembre 2014, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, ha annunciato la proroga al

“ComuneMenteGiovani”: pubblicate le domande ammesse alla valutazione di merito

E’ disponibile, sul sito Anci, l’Elenco delle domande ammesse alla valutazione di merito nell’ambito di “ComuneMenteGiovani”,bando che punta a coinvolgere

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.