Somme del “Fondo per le demolizioni delle opere abusive”: rientrano fra le forme di indebitamento di cui all’art. 202 Tuel

Somme del “Fondo per le demolizioni delle opere abusive”: rientrano fra le forme di indebitamento di cui all’art. 202 Tuel

Nella Delibera n. 100 del 1° agosto 2018 della Corte dei conti Campania, viene chiesto un parere in merito all’interpretazione dell’art. 32, comma 12, del Dl. n. 269/03, convertito dalla Legge n. 326/03. In particolare, il quesito era volto a comprendere se le somme del “Fondo per le demolizioni delle opere abusive”, erogate da Cassa Depositi e Prestiti, rientrino o meno fra le forme di indebitamento di cui all’art. 202 del Dlgs. n. 267/00 (Tuel).

La Sezione rileva che l’art. 32, comma 12, del Dl. n. 269/03, ha introdotto nell’ordinamento nuove “misure per la riqualificazione urbanistica, ambientale e paesaggistica, per l’incentivazione dell’attività di repressione dell’abusivismo edilizio, nonché per la definizione degli illeciti edilizi e delle occupazioni di aree demaniali”. Nell’ambito di queste misure, è stata autorizzata la Cassa Depositi e Prestiti a costituire un Fondo di rotazione dell’importo massimo di 50 milioni di Euro, denominato “Fondo per le demolizioni delle opere abusive”, finalizzato a concedere ai Comuni anticipazioni senza interessi per finanziare i costi relativi agli interventi di demolizione delle opere abusive. La natura di anticipazione e l’obbligo di restituzione, sia pure in assenza di interessi, implica che le somme del “Fondo per le demolizioni delle opere abusive” erogate dalla Cassa Depositi e Prestiti rientrino fra le forme di indebitamento alle quali possono ricorrere gli Enti Locali ai sensi dell’art. 202 del Tuel. Peraltro, a questa conclusione è pervenuta anche la Cassa stessa che, nell’ambito della disciplina contrattuale alla quale subordina l’accesso al “Fondo”, prevede il rilascio da parte degli Enti Locali della delegazione di pagamento irrevocabile e pro solvendo a valere sulle entrate afferenti ai primi tre titoli del bilancio annuale, prevista dall’art. 206 del Tuel.


Related Articles

Spesa di personale: modalità con cui effettuare la verifica del rispetto dell’art. 1, comma 557, della Legge n. 296/06

Nella Delibera n. 67 del 30 settembre 2015 della Corte dei conti Liguria, il Sindaco di un Ente sottoposto al

Spese ordinarie d’ufficio: non comprendono il telefono cellulare per gli impiegati pubblici e gli Amministratori locali

Nella Sentenza 138 del 6 giugno 2016 della Corte dei conti Toscana, la Sezione esamina il conto della gestione reso

“Fondo di solidarietà comunale” 2014: disponibili le stime del Ministero dell’Interno

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, ha reso disponibili sul proprio sito istituzionale la ripartizione delle risorse

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.