Somministrazione alimenti: la presenza di tavoli e sedie abbinati non basta a provare che un esercizio commerciale svolga tale attività

Somministrazione alimenti: la presenza di tavoli e sedie abbinati non basta a provare che un esercizio commerciale svolga tale attività

Nella Sentenza n. 6818 del 30 maggio 2018 del Tar Lazio, i Giudici chiariscono che il solo riscontro di tavoli e sedie abbinati da parte di un titolare di Scia di laboratorio e di vicinato alimentare non è indice inequivoco della presenza di un servizio di somministrazione di alimenti. Nulla autorizza infatti a ritenere che i prodotti di laboratorio vengano, oltre che legittimamente venduti per asporto, anche (illegittimamente) consumati sul posto. Dunque, la sola presenza di “tavoli e sedie abbinabili” costituenti “arredi e modalità di utilizzo che consentono le consumazioni seduti al tavolo con caratteristiche di richiamo quantitativo della clientela e permanenza nel luogo di consumo” non concretizza, in maniera univoca (anche se il titolare dell’esercizio sia un esercente di laboratorio di gastronomia), quel contesto organizzativo comprovante, secondo la giurisprudenza in precedenza indicata, lo svolgimento dell’attività di somministrazione di alimenti, specie ove gli Organi accertatori non abbiano specificato il numero di tavoli e sedie utilizzati per il consumo sul posto, la tipologia degli stessi, l’entità della superficie destinata al consumo sul posto rispetto a quella complessiva, la presenza o meno di avventori, la presenza di un menù di tipo ristorativo (che è quello, ovviamente, che indica anche le pietanze preparate e cotte sul posto prima di essere consumate) e la presenza di altri elementi (ad esempio, vino ed alcolici di varia gradazione messi disposizione per il consumo) comprovanti un contesto organizzativo funzionale ad una vera e propria somministrazione più che ad un consumo sul posto.


Related Articles

Secondo Piano d’azione nazionale OGP: consultazioni aperte dal 4 al 20 novembre 2014

L’Italia ha aderito all’iniziativa internazionale “Open Governament Partnership” (OGP), finalizzata a promuovere la trasparenza dei governi e l’integrità della loro

Tarsu: aree di lavorazione pertinenziali ad uno stabilimento o spazi di manovra

Nell’Ordinanza n. 15481 del 7 giugno 2019 della Corte di Cassazione, la questione controversa aveva ad oggetto un diniego di

Incremento indennità P.o.: limite di spesa nei Comuni privi di dirigenza

Nella Delibera n. 210 del 23 maggio 2019 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha chiesto un parere in

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.