Somministrazione e appalto illecito: niente sanzioni per le Pubbliche Amministrazioni

Somministrazione e appalto illecito: niente sanzioni per le Pubbliche Amministrazioni

L’Ispettorato nazionale del Lavoro, nel Parere 17 gennaio scorso, ha chiarito che, sia il personale delle Pubbliche Amministrazioni, sia le Pubbliche Amministrazioni in quanto tali, sono esclusi dal campo di operatività del Dlgs. n. 276/2003.

Richiamando la Sentenza n. 15432/2014 della Corte di Cassazione, l’Ispettorato ha ricordato che “l’unica norma che realmente prevede una disciplina specifica per le Pubbliche Amministrazioni è l’art. 86 comma 9”. Tale disposizione stabilisce l’applicabilità, nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni, della disciplina della somministrazione a tempo determinato e del regime sanzionatorio di cui all’art. 19 del Dlgs. n. 276/2003, il quale prevede espressamente l’applicazione di sanzioni per le violazioni degli obblighi di comunicazione delle assunzioni in capo al datore di lavoro, mentre nulla prevede esplicitamente in relazione alla fattispecie di illecito utilizzo di contratti di somministrazione di lavoro o di appalto.

Pertanto, in assenza di una espressa previsione normativa in tal senso, nei casi di accertata somministrazione e appalto illecito, l’impianto sanzionatorio di cui all’art. 18, commi 1, 2 e 5-bis, del Dlgs. n. 276/2003, resta limitato al solo soggetto somministratore/pseudo appaltatore privato.

Trattandosi di norma a carattere sanzionatorio, non è suscettibile di applicazione analogica o di interpretazione.

Per la tutela dei lavoratori dipendenti da Imprese affidatarie di pubblici appalti, nel caso di inadempimento addebitabile all’appaltatore, occorrerà fare riferimento alla tutela civilistica di cui all’art. 1676 del Codice civile ed a quella di cui al “Codice degli Appalti”.


Related Articles

Soccorso istruttorio: non costituiscono irregolarità insanabili la mancata datazione del cv e allegazione del documento di identità

Nella Sentenza n. 444 del 28 ottobre 2016 del Tar Molise, un Comune ha indetto una procedura selettiva finalizzata all’acquisizione

Trasferimenti erariali: al via i finanziamenti per la riqualificazione delle aree urbane degradate

Finanziamenti da Euro 100.000 a 2 milioni per riqualificare le aree urbane degradate attraverso interventi diretti a ridurre i fenomeni

Rimborsi Iva: chiariti i termini per la presentazione della Dichiarazione integrativa

Dopo la recente Circolare n. 32/E del 30 dicembre 2014, con la Circolare n. 35/E del 27 ottobre 2015 l’Agenzia

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.