“Sostegno all’inclusione attiva”: diffusi il Modello autocertificativo da presentare al Comune e le modalità telematiche di trasmissione

“Sostegno all’inclusione attiva”: diffusi il Modello autocertificativo da presentare al Comune e le modalità telematiche di trasmissione

L’Inps, con il Messaggio n. 3272 del 2 agosto 2016, ha predisposto e validato il Modulo di autocertificazione che i richiedenti dei benefici di “Sostegno all’inclusione attiva” (c.d. “Sia”) dovranno compilare e consegnare al Comune di residenza.

Quanto sopra fa seguito alla Circolare n. 133 del 19 luglio 2016 ed a quanto previsto dall’art. 4, comma 1, del Decreto 26 maggio 2016 del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze.

Come indicato all’art. 3, comma 3 di tale Provvedimento, l’Inps ha predisposto altresì le modalità telematiche ed il tracciato dei flussi informativi (formato xsd) con i quali i Comuni dovranno inviare le richieste ricevute dai cittadini.

Il modulo di domanda, può essere ritirato presso il Comune di residenza ed è altresì scaricabile dal portale dell’Istituto e dal sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Ricordiamo che il “Sostegno per l’inclusione attiva” è una misura di contrasto alla povertà che prevede l’erogazione di un sussidio economico alle famiglie in condizioni economiche disagiate nelle quali siano presenti minorenni, figli disabili o donne in stato di gravidanza accertata. L’accesso al sussidio è subordinato alla partecipazione ad un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa elaborato dai Servizi sociali del Comune, in collaborazione con i Servizi per l’impiego, i Servizi sanitari, le Scuole, soggetti privati ed Enti “no profit”.


Related Articles

Modalità di cessione: “scavalco condiviso” e “scavalco d’eccedenza”

Nella Delibera n. 109 del 7 aprile 2017 della Corte dei conti Molise, un Comune chiede di conoscere se sia

Servizi Demografici: disponibile la nuova versione del software “AnagAire”

Con un Avviso pubblicato il 15 maggio 2015 sulla homepage del proprio Portale istituzionale, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale

“Ddl. di bilancio 2017”:posticipati al 2018 gli aumenti delle aliquote Iva

L’art. 85 del “Ddl.dibilancio 2017”rinvia al 2018 gli aumenti Iva introdotti dalla “Legge di stabilità 2015” e sopprime gli aumenti