“Spending review” Enti di area vasta: le istruzioni per il versamento del contributo alla finanza pubblica di 516,7 milioni di Euro

“Spending review” Enti di area vasta: le istruzioni per il versamento del contributo alla finanza pubblica di 516,7 milioni di Euro

Con il Comunicato 28 settembre 2015, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, ha fornito le istruzioni per il versamento del contributo alla finanza pubblica posto a carico delle Città metropolitane e delle Province delle Regioni a statuto ordinario e delle Regioni Siciliana e Sardegna, che per il 2015 è pari complessivamente a Euro 516,7 milioni.

Ricordiamo che il Viminale aveva diffuso lo scorso 4 maggio 3 Decreti datati 28 aprile 2015, che stabiliscono:

  1. la determinazione del riparto del contributo alla finanza pubblica di Euro 510 milioni, per l’anno 2015, in proporzione alla spesa media sostenuta nel triennio 2012-2014, come risultante dai codici Siope, comunicati dal Mef;
  2. la determinazione del riparto del contributo alla finanza pubblica di Euro 1 milione, per l’anno 2015, in proporzione al numero di autovetture, comunicato dal citato Dipartimento;
  3. la determinazione del riparto del contributo alla finanza pubblica di Euro 5,7 milioni, per l’anno 2015, in proporzione alle spese per incarichi di consulenza, studio e ricerca e per i contratti di collaborazione coordinata e continuativa.

L’art. 2, identico per tutti e 3 i Provvedimenti, ha disposto che entro il 10 ottobre gli Enti versino le somme riportate nei relativi Allegati al capitolo di entrata al bilancio dello Stato denominato “Rimborsi e concorsi diversi dovuti dalle Province” – Capitolo di capo 10 – n. 3465.

Con il recente Pronunciamento, la Direzione centrale ha precisato che le Amministrazioni possono avvalersi, per effettuare il versamento, degli Iban relativi alla Sezione di Tesoreria della Provincia di riferimento reperibili al seguente link della Ragioneria generale dello Stato: http://www.rgs.mef.gov.it/Versione-I/Attivit–i/Bilancio_di_previsione/Bilancio_finanziario/Il-quadro-/.

In alternativa, può essere utilizzato il codice Iban riferito alla Sezione di Tesoreria di Roma succursale di seguito indicato: IT 83O 01000 03245 348 0 10 3465 03.


Related Articles

Fatturazione elettronica: dal 9 gennaio 2017 le P.A. dovranno adeguarsi al nuovo formato della “FatturaPA”

Con Comunicato-stampa 2 dicembre 2016 inserito sul proprio sito istituzionale, l’Agenzia delle Entrate fornisce indicazioni sulla fatturazione elettronica, ed in

Incentivi indebitamente erogati ai propri dipendenti: legittimo il recupero sui fondi salario accessorio futuri

Nella Sentenza n. 24834 del 9 dicembre 2015 della Corte di Cassazione, la Croce Rossa Italiana, accortasi dell’attribuzione ai propri

Dichiarazioni 2015: disponibili i Modelli “730”, “770”, “Iva”, “Iva base” e “Certificazione unica”

Con un Comunicato diffuso il 15 gennaio 2015, l’Agenzia delle Entrate ha informato dell’avvenuta pubblicazione, sul proprio sito istituzionale, dei