“Spending review”: fissate le somme dovute da Province e Città metropolitane a titolo di contributo alla finanza pubblica per il 2021

“Spending review”: fissate le somme dovute da Province e Città metropolitane a titolo di contributo alla finanza pubblica per il 2021

In applicazione dell’art. 1, comma 150-bis, della Legge n. 56/2014 (“Legge Delrio”) e dell’art. 1, commi 418 e 419, della “Legge di stabilità 2015”, è stato ripartito il contributo alla finanza pubblica atteso, per l’anno corrente, da Province e Città metropolitane.

A darne notizia, rendendo disponibile sul proprio sito istituzionale anche i Prospetti con gli importi, è stato il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, con le Circolari nn. 17 e 18 del 9 aprile 2021.

In particolare, con riferimento alla Circolare n. 17 (relativa alle Province e alle Città metropolitane), le allegate Tabelle “A” e “B” fissano l’ammontare del concorso alla finanza pubblica di cui al richiamato art. 1, comma 418, della “Finanziaria 2015” e all’art. 1, comma 150-bis, della “Legge Delrio”, che ciascuna Provincia è tenuta a versare al bilancio dello Stato, al netto dei contributi spettanti.

Le Tabelle “C” e “D” definiscono i medesimi importi dovuti invece dalle Città metropolitane.

Il Documento di prassi stabilisce che il versamento complessivo, dovuto da ciascun Ente, deve essere effettuato al seguente capitolo di entrata del bilancio dello Stato: Capitolo di capo X n. 3465, art. 3, “Rimborsi e concorsi diversi dovuti dalle Province”.

Per i versamenti, gli Enti di Area vasta potranno avvalersi degli Iban delle Sezioni di Tesoreria della Provincia di riferimento (reperibili al seguente link) o, in alternativa, del Codice Iban riferito alla Sezione di Tesoreria di Roma succursale, di seguito indicato: IT 83O 01000 03245 348 0 10 3465 03.

In caso di mancato versamento, totale o parziale, delle somme in commento entro il 31 maggio 2021, il Viminale provvederà a comunicare all’Amministrazione finanziaria l’elenco degli Enti inadempienti affinché quest’ultima provveda al recupero degli importi con le modalità e nei termini di cui al Dm. Mef 5 luglio 2016.

Con la citata Circolare n. 18, è stato poi determinato l’ammontare dei versamenti a carico delle Province sarde e della Città metropolitana di Cagliari.

Nell’Allegato “A” alla Circolare in commento è consultabile l’ammontare del concorso alla finanza pubblica di cui all’art. 1, comma 418, che ciascuna Provincia della Regione Sardegna e la Città metropolitana di Cagliari, sono tenute a versare al bilancio dello Stato, per l’anno 2021, al netto dei contributi spettanti ai sensi dell’art. 6 del Dpcm. 10 marzo 2017, e dell’art. 15 del Dl. n. 50/2017, e del contributo del comma 872 dell’art. 1 della Legge n. 160/2019.

Anche in questo caso gli Enti sono tenuti a versare gli importi dovuti per l’anno 2021 entro il 31 maggio 2021.


Related Articles

“Project financing”: l’Amministrazione non è tenuta a dare corso alla procedura di gara per l’affidamento della relativa concessione

Nella Sentenza n. 207 del 18 gennaio 2017 del Consiglio di Stato, con ricorso i componenti di un Raggruppamento temporaneo

Incarichi ex art. 110, comma 1, del Tuel: necessario il rispetto del turnover

La Delibera n. 18 dell’11 marzo 2015 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia interviene su diverse questioni attinenti ai

Società partecipate: modalità di “liberazione” dell’avanzo accantonato corrispondente alla quota del “Fondo perdite”

Nella Delibera n. 25 del 18 febbraio 2021 della Corte dei conti Sicilia, un Sindaco, dopo aver richiamato il testo

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.