“Spending review”: nessuna deroga ai vincoli assunzionali per Enti di piccola dimensione o esigenze eccezionali

“Spending review”: nessuna deroga ai vincoli assunzionali per Enti di piccola dimensione o esigenze eccezionali

Nella Delibera n. 97 del 21 maggio 2015 della Corte dei conti Umbria, un Sindaco chiede di conoscere se sia possibile procedere all’assunzione a tempo determinato di un Vigile urbano, in deroga a quanto disposto dall’art. 9, comma 28, del Dl. n. 78/10, trattandosi di un Ente di piccole dimensioni (nella specie, con una popolazione inferiore a mille abitanti). In particolare, la questione interpretativa sottesa al predetto quesito concerne la corretta applicazione dell’art. 9, comma 28, del Dl. n. 78/10, che ha introdotto limitazioni al tetto di spesa del 2009 per il lavoro flessibile agli Enti in regola con l’obbligo di ridurre la spesa di personale, di cui all’art. 1, commi 557 e 562 della Legge n. 296/06. La Sezione ribadisce il principio affermato dalla Sezione delle Autonomie nella Delibera n. 2/15: “le limitazioni dettate dai primi 6 periodi dell’art. 9, comma 28, del Dl. n. 78/10, in materia di assunzioni per il lavoro flessibile, alla luce dell’art. 11, comma 4-bis, del Dl. n. 90/14 (che ha introdotto il settimo periodo del citato comma 28), non si applicano agli Enti Locali in regola con l’obbligo di riduzione della spesa di personale di cui ai commi 557 e 562 dell’art. 1, Legge n. 296/06, ferma restando la vigenza del limite massimo della spesa sostenuta per le medesime finalità nell’anno 2009, ai sensi del successivo ottavo periodo dello stesso comma 28. Inoltre, la Sezione precisa che:

a) l’ordinamento non consente alle Pubbliche Amministrazioni di superare per le assunzioni a tempo determinato e con qualsivoglia tipologia contrattuale il livello di spesa sostenuta per le medesime finalità nell’anno 2009, non prevedendosi alcuna deroga per gli Enti di piccole dimensione né per quelli c.d. “virtuosi” e neppure per far fronte ad esigenze eccezionali o di carattere transitorio;

b) per gli Enti che nella annualità 2009 non hanno sostenuto alcuna spesa per finalità anzidette, l’art. 9, comma 28, del citato Dl. n. 78/10 dispone espressamente che il limite di spesa di cui sopra “è computato con riferimento alla media sostenuta per le stesse finalità nel triennio 2007-2009”.

In conclusione, nel caso di specie, il Comune richiedente il parere non potrà procedere all’assunzione di personale a tempo determinato e con qualsivoglia tipologia contrattuale non avendo sostenuto alcuna spesa per tali finalità, né nell’annualità 2009, né nel triennio 2007-2009.

Corte dei conti Umbria – Delibera n. 97 del 21 maggio 2015


Related Articles

Personale P.A.: al via il Tavolo politico sul rinnovo dei contratti del Comparto Sicurezza, Difesa e Soccorso pubblico

Lo scorso 14 maggio 2021 si è svolto un incontro tra il Ministro per la Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, dell’Interno,

Trasferimenti erariali: pubblicata la lista degli Enti Locali beneficiari dei finanziamenti del Programma “#scuolesicure”

Sono disponibili sul sito istituzionale del Ministero dell’Istruzione gli elenchi degli Enti Locali ai quali saranno concessi i finanziamenti relativi

Unioni di Comuni e Comunità montane: emanato il Dm. relativo alla richiesta di contributo 2021 per i Servizi gestiti in forma associata

È stato pubblicato sulla G.U. n. 118 del 19 maggio 2021, il Decreto 11 maggio 2021 del Ministero dell’Interno –