Spesa di personale: sussidi economici erogati dagli Enti in relazione allo svolgimento di tirocini formativi

Spesa di personale: sussidi economici erogati dagli Enti in relazione allo svolgimento di tirocini formativi

Nella Delibera n. 133 del 2 marzo 2017 della Corte dei conti Veneto, un Sindaco ha formulato i seguenti quesiti:

– se sia legittima (e a quali eventuali condizioni) l’assunzione di personale con forme di lavoro flessibile per gli Enti che non abbiano sostenuto spese ad alcun titolo, né nell’anno 2009, né nel triennio 2007/2009, ovvero se agli stessi sia assolutamente precluso il ricorso a detti rapporti di lavoro;

– se (anche) i sussidi economici erogabili in relazione allo svolgimento di tirocini formativi rientrino nell’aggregato delle spese di personale di cui all’art. 9, comma 28, del Dl. n. 78/10, convertito nella Legge n. 122/10.

La Sezione, in riferimento al primo quesito, afferma che è legittima l’assunzione disposta da un Ente Locale che, né nel 2009, né nel triennio 2007-2009, abbia fatto ricorso alle forme di lavoro flessibile previste dall’ordinamento, purché si provveda ad individuare comunque un parametro rispetto al quale dimensionare la spesa, calibrato, sulla “spesa strettamente necessaria per far fronte ad un servizio essenziale per l’Ente” e purché venga assicurato comunque il rispetto dell’art. 36, comma 2, del Dlgs. n. 165/01, che disciplina le modalità ed i limiti del ricorso al lavoro flessibile da parte delle Pubbliche Amministrazioni, ivi compresi gli Enti Locali.

Quanto al secondo quesito, avente ad oggetto la sussunzione, nel limite di spesa di cui al citato art. 9, comma 28, del Dl. n. 78/10, anche dei sussidi economici erogati dagli Enti in relazione allo svolgimento di tirocini formativi, la Sezione chiarisce che l’onere gravante sull’Ente per i tirocini ricade nella citata disposizione di cui all’art. 9, comma 28, del Dl. n. 78/10, convertito in Leggen. 122/10. Sicché detta spesa va ricondotta nell’ambito di quella per il personale relativa a contratti di formazione-lavoro e ad altri rapporti formativi e soggiacerà ai limiti ivi previsti.

Tale conclusione trova fondamento nella lettera della norma (art. 9, comma 28,del Dl. n. 78/10) che, facendo espresso riferimento ad “altri rapporti formativi”, richiama un concetto ampio suscettibile di ricomprendere al suo interno qualunque forma di rapporto con intento formativo che comporti una spesa a carico del bilancio dell’Ente e, pertanto, anche il tirocinio formativo, implicante comunque l’instaurazione di una relazione che può certamente rientrare nel suddetto, ampio concetto di rapporto formativo. Infine, la Sezione precisa che il costo per i tirocini formativi non rientra nella spesa di personale sin qui considerata ove venga coperto da finanziamenti di terzi.


Related Articles

Imposte dirette: esclusi i contributi erogati dalla Regione a dei ricercatori a parziale ristoro delle spese per canoni di locazione

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 172 del 9 giugno 2020, ha fornito chiarimenti in ordine

Ufficio unico per il digitale e nomina del Responsabile: entro il 31 dicembre la presentazione del documento

Dal 1° dicembre 2017 è stato predisposto in IPA (“Indice Pubbliche Amministrazioni”), all’interno dell’anagrafica dell’Ente, il campo dedicato all’Ufficio per

Entrate tributarie gennaio-novembre 2015: sempre in crescita Irpef, Iva e Ires

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha esteso, con Comunicato n. 4 dell’8 gennaio 2016, il quadro delle entrate tributarie