Tari: possibile la riduzione per i rifiuti assimilabili agli urbani

Tari: possibile la riduzione per i rifiuti assimilabili agli urbani

Con l’Ordinanza n. 13328 del 1° luglio 2020 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità rilevano che il presupposto dell’applicazione della Tia è l’occupazione o la detenzione locali, o aree scoperte ad uso privato non costituenti accessorio o pertinenza dei locali medesimi, a qualsiasi uso adibiti, esistenti nelle zone del territorio comunale. Nella determinazione della superficie tassabile non si tiene conto di quella parte di essa ove per specifiche caratteristiche strutturali o per destinazione si formano di regola rifiuti speciali. Secondo l’art. 49, commi 3, 4, e 14, del Dlgs. n. 22/1997, e art. 62 del Dlgs. n. 507/1993, solo i locali all’interno dei quali, per struttura e destinazione, si formano esclusivamente i rifiuti speciali pericolosi e tossici e rifiuti speciali non assimilati, sono esenti dal pagamento. Il comprovato avviamento al recupero dei rifiuti urbani e assimilati implica la possibilità di esonero dalla privativa comunale che determina, non già la riduzione della superficie tassabile, prevista dall’art. 62, comma 3 del Dlgs. n. 507/1993, istitutivo della Tarsu, bensì il diritto ad una riduzione tariffaria determinata in concreto (a consuntivo) in base a criteri di proporzionalità rispetto alla quantità avviata al recupero. Peraltro, la Suprema Corte pone in evidenza l’art. 7 del Dpr. n. 158/1999 – che nella fase transitoria può essere applicato dai Comuni anche ai fini Tarsu nell’approvare il “metodo normalizzato per la determinazione della tariffa di riferimento dei rifiuti urbani” – prevede infatti, non già l’esenzione dell’Imposta, ma soltanto una sua riduzione nel caso in cui i rifiuti speciali assimilati a quelli urbani vengano avviati a recupero direttamente dal produttore, sempre che il Servizio sia istituito e sussista la possibilità dell’utilizzazione.


Related Articles

Casellario centrale: pubblicato un Avviso rivolto ai Comuni

  Il Ministero della Giustizia – Dipartimento per gli Affari di giustizia, il 7 luglio 2015 ha diffuso sul proprio

Questionario Sose: diffuso l’Elenco dei Comuni inadempienti al 18 maggio 2018

Il Ministero dell’Interno, Direzione centrale della Finanza Locale, con il Comunicato 22 maggio 2018, ha ricordato che è scaduto il

Riscossione: il concessionario del servizio non è abilitato alla difesa diretta tramite i suoi dipendenti davanti al Giudice tributario

Nella Sentenza Corte di Cassazione 15 aprile 2015, n. 7554, i Giudici affermano che, in tema di riscossione dei tributi,

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.