Tariffe e aliquote tributi: nessuna possibilità di modificarli oltre il termine per salvaguardare equilibri di bilancio

Tariffe e aliquote tributi: nessuna possibilità di modificarli oltre il termine per salvaguardare equilibri di bilancio

Nella Delibera n. 54 dell’11 febbraio 2016 della Corte dei conti Sicilia un Comune ha formulato una richiesta di parere chiedendo di conoscere se, per mantenere gli equilibri di bilancio, successivamente al 30 settembre 2015 e comunque entro la data di adozione del bilancio di previsione, si possa adottare il Piano finanziario del “Servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani”, modificando le tariffe e le aliquote relative ai tributi di propria competenza.

La Sezione osserva che, ai sensi dell’art. 1, comma 169, della Legge n. 296/06, “gli Enti Locali deliberano le tariffe e le aliquote

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Processo tributario: controversie sulle spese legali rientrano nella giurisdizione tributaria

Nell’Ordinanza n. 14554 del 13 luglio 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici affermano che in base all’art. 2, comma

Titoli di sosta: qual è il corretto trattamento fiscale delle ricevute emesse dall’intermediario per le provvigioni sulle vendite?

Il testo del quesito: “Come Azienda affidataria, nel regime concessorio ‘in house providing’, della gestione della sosta a pagamento, vendiamo

Ici: no all’esenzione per immobili destinati a fini istituzionali se il godimento del bene è ceduto per il soddisfacimento di esigenze private

Nella Sentenza n. 26453 dell’8 novembre 2017 della Corte di Cassazione, il Ministero della Difesa propone ricorso avverso l’avviso di