Tarsu: impugnabilità dell’avviso di pagamento

Tarsu: impugnabilità dell’avviso di pagamento

Nella Sentenza n. 16952 del 19 agosto 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici osservano che il ruolo, secondo la speciale previsione contenuta all’art. 72, del Dlgs n. 507/93, deve essere utilizzato dal Comune impositore per la cosiddetta “esecuzione spontanea” ai sensi dell’art. 32, comma 1, del Dlgs. n. 46/99. Tuttavia, il ruolo in parola, non essendo stato portato a conoscenza mediante notifica della cartella, bensì con un atto sui generis, pur contenente la manifestazione impositiva, non obbligava la contribuente a contestare l’Imposta. Ed invero, i contribuenti hanno facoltà e non il dovere di impugnare atti diversi da quelli individuati dall’art. 19, del Dlgs n. 546/92, che manifestano il rapporto tributario. E in ragione di ciò, alla contribuente non era quindi preclusa la successiva impugnazione dell’avviso di pagamento che, pur non essendo tra gli atti previsti dall’art. 19, del Dlgs n. 546/92, era comunque tra quelli facoltativamente impugnabili in quanto manifestante l’imposizione.

 

Sentenza n. 16952 del 19 agosto 2015 della Corte di Cassazione


Related Articles

Ici: la tassazione delle aree scoperte

Nell’Ordinanza n. 10287 del 12 aprile 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che in tema d’Ici,

Conto annuale 2020: scatta il rinvio al 18 giugno 2021 per l’invio dei dati relativi al Monitoraggio ed alla Relazione

Slitta al 18 giugno 2021 il termine per l’invio della Relazione allegata al Conto annuale e della Relazione illustrativa. A

Incentivi tecnici: vietata l’attività di consulenza o supporto esterno

Nella Delibera n. 181 del 23 ottobre 2018 della Corte dei conti Sicilia, vengono chiesti 2 quesiti: uno relativo alla