Tarsu: l’Imposta è dovuta anche per le case vuote

Tarsu: l’Imposta è dovuta anche per le case vuote

Nella Sentenza n. 1447 del 13 luglio 2017 della Ctp di Trapani, veniva impugnato un avviso di accertamento Tari relativo ad alcuni immobili siti in un Comune siciliano per omesso versamento dell’Imposta municipale relativa all’anno 2012.

I Giudici chiariscono che anche gli immobili vuoti o inutilizzabili sono soggetti alla Tassa sui rifiuti; a tale principio fanno eccezione solo gli immobili che siano oggettivamente inutilizzabili o non suscettibili di produrre rifiuti. Non invece quelli inutilizzabili per scelta soggettiva del titolare. In sostanza, deve esistere una presunzione legale relativa di produzione di rifiuti. Quindi, il contribuente è tenuto ad indicare nella Denuncia gli immobili o le aree che oggettivamente non possono produrre rifiuti.


Related Articles

“Canone unico”: analisi delle criticità operative legate all’introduzione del prelievo dal 1° gennaio 2021

Premessa Un primo tentativo di unificazione dei prelievi relativi alla pubblicità e all’occupazione del suolo pubblico era stato improntato già

Imu e Tasi: fissati i coefficienti di aggiornamento dei fabbricati del Gruppo catastale “D” per il 2015

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento delle Finanze, ha diffuso sul proprio sito istituzionale, il Dm. 25 marzo

Riscossione: nulla la notifica effettuata in un luogo diverso da quello previsto dalla legge

Nella Sentenza n. 182 del 4 febbraio 2016 della Ctr Liguria, la controversia riguarda un avviso di accertamento che, sebbene