Tarsu: l’onere della prova grava sul contribuente

Tarsu: l’onere della prova grava sul contribuente

Nell’Ordinanza n. 21780 del 7 settembre 2018, la Corte di Cassazione ha affermato che, in tema di Tarsu, grava sul contribuente l’onere di provare la sussistenza delle condizioni per beneficiare dell’esenzione prevista dall’art. 62, comma 3, del Dlgs. n. 507/93, per quelle aree detenute od occupate aventi specifiche caratteristiche strutturali e di destinazione, atteso che il principio secondo il quale è l’Amministrazione a dover fornire la prova della fonte dell’obbligazione tributaria non può operare con riferimento al diritto ad ottenere una riduzione della superficie tassabile, costituendo l’esenzione, anche parziale, un’eccezione alla regola generale del pagamento del Tributo da parte di tutti coloro che occupano o detengono immobili nelle zone del territorio comunale. Inoltre, i Giudici di legittimità precisano che l’art. 62, comma 1, del Dlgs. n. 507/93, pone a carico dei possessori di immobili una presunzione legale relativa di produzione di rifiuti, sicché, ai fini dell’esenzione dalla tassazione prevista dall’art. 62, comma 2 per le aree inidonee alla produzione di rifiuti per loro natura o per il particolare uso, è onere del contribuente indicare nella denuncia originaria o in quella di variazione le obiettive condizioni di inutilizzabilità e provarle in giudizio in base ad elementi obiettivi direttamente rilevabili o ad idonea documentazione.


Related Articles

Agevolazioni tributarie: Associazioni sportive dilettantistiche

Nella Sentenza n. 28175 del 24 novembre 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono in tema

Attività di noleggio con conducente di autovetture: la rimessa dev’essere nel territorio del Comune che rilascia l’autorizzazione

Nella Sentenza n. 2806 del 23 giugno 2016 del Consiglio di Stato, i Giudici statuiscono l’obbligo di utilizzare, per lo

Riscossione: illegittimità costituzionale della competenza territoriale in base alla sede del concessionario

Nella Sentenza n. 158 del 25 giugno 2019 della Corte Costituzionale, i Giudici hanno dichiarato l’illegittimitàcostituzionale dell’art. 32, comma 2,

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.