Tarsu: l’onere della prova grava sul contribuente

Tarsu: l’onere della prova grava sul contribuente

Nell’Ordinanza n. 21780 del 7 settembre 2018, la Corte di Cassazione ha affermato che, in tema di Tarsu, grava sul contribuente l’onere di provare la sussistenza delle condizioni per beneficiare dell’esenzione prevista dall’art. 62, comma 3, del Dlgs. n. 507/93, per quelle aree detenute od occupate aventi specifiche caratteristiche strutturali e di destinazione, atteso che il principio secondo il quale è l’Amministrazione a dover fornire la prova della fonte dell’obbligazione tributaria non può operare con riferimento al diritto ad ottenere una riduzione della superficie tassabile, costituendo l’esenzione, anche parziale, un’eccezione alla regola generale del pagamento del Tributo da parte di tutti coloro che occupano o detengono immobili nelle zone del territorio comunale. Inoltre, i Giudici di legittimità precisano che l’art. 62, comma 1, del Dlgs. n. 507/93, pone a carico dei possessori di immobili una presunzione legale relativa di produzione di rifiuti, sicché, ai fini dell’esenzione dalla tassazione prevista dall’art. 62, comma 2 per le aree inidonee alla produzione di rifiuti per loro natura o per il particolare uso, è onere del contribuente indicare nella denuncia originaria o in quella di variazione le obiettive condizioni di inutilizzabilità e provarle in giudizio in base ad elementi obiettivi direttamente rilevabili o ad idonea documentazione.


Related Articles

Iva: non è applicabile l’aliquota del 5% al trasferimento di Energia termica tramite “contratti di servizio energia” e di “teleriscaldamento”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 284 del 20 maggio 2022, ha fornito chiarimenti in ordine

Processo tributario: il ricorrente deve produrre avviso di ricevimento del piego raccomandato contenente la copia del ricorso

Nell’Ordinanza n. 6918 del 17 marzo 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, ai fini della

Polizia locale: cessazione per mobilità e vincoli assunzionali

Nella Delibera n. 153 del 18 aprile 2019 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha chiesto un parere in

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.