Tarsu: per gli stabilimenti balneari la pretesa fiscale deve essere ridotta a un quarto

Tarsu: per gli stabilimenti balneari la pretesa fiscale deve essere ridotta a un quarto

Nella Sentenza n. 476/21/2015 della Ctr Palermo, i Giudici hanno affermato che le cartelle di pagamento afferenti la Tarsu devono essere annullate limitatamente all’importo eccedente la somma corrispondente al periodo 1°ottobre-30 aprile, ritenendo che la chiusura invernale dello stabilimento balneare non lo rende suscettibile alla potenzialità di produrre rifiuti, stante le obbiettive condizioni di non utilizzabilità. L’attività dello stabilimento balneare, essendo stagionale, deve pagare la Tarsu solo in riferimenti ai mesi di produzione dei rifiuti, e non per tutto l’anno come invece, nel caso di specie, aveva calcolato l’amministrazione comunale.

Ctr Palermo-Sentenza n. 476 21 2015


Related Articles

“Canone Rai”: in G.U. il Decreto Mise sul nuovo sistema di pagamento

Con Dm. Ministero Sviluppo economico 13 maggio 2016, n. 94, pubblicato in G.U. n. 129 del 4 giugno 2016, vengono

Impresa, ricerca, nuove tecnologie e genio italiano: questi gli elementi su cui improntare la “ripartenza” secondo il Presidente Anci Toscana Biffoni

Su quali interventi gli amministratori locali dovrebbero puntare per l’impiego delle risorse stanziate dall’Ue per aiutare gli Stati membri ad

Comuni sedi di servitù nucleari: il Tribunale di Roma dispone il rimborso delle risorse indebitamente sottratte dal 2004 al 2011

Con una Nota del 22 luglio 2016, l’Anci ha reso noto che, con una Sentenza depositata lo stesso giorno, il