Tarsu: per gli stabilimenti balneari la pretesa fiscale deve essere ridotta a un quarto

Tarsu: per gli stabilimenti balneari la pretesa fiscale deve essere ridotta a un quarto

Nella Sentenza n. 476/21/2015 della Ctr Palermo, i Giudici hanno affermato che le cartelle di pagamento afferenti la Tarsu devono essere annullate limitatamente all’importo eccedente la somma corrispondente al periodo 1°ottobre-30 aprile, ritenendo che la chiusura invernale dello stabilimento balneare non lo rende suscettibile alla potenzialità di produrre rifiuti, stante le obbiettive condizioni di non utilizzabilità. L’attività dello stabilimento balneare, essendo stagionale, deve pagare la Tarsu solo in riferimenti ai mesi di produzione dei rifiuti, e non per tutto l’anno come invece, nel caso di specie, aveva calcolato l’amministrazione comunale.

Ctr Palermo-Sentenza n. 476 21 2015


Related Articles

Ict: Cottarelli, con il progresso si risparmia solo se si è disposti a ridurre il personale non necessario

“Se si introducono tecnologie che comportano risparmi di personale bisogna essere pronti a ridurre il personale o a spostarlo su

Organismo rappresentativo giovani studenti: le uscite a carico del Comune possono essere inquadrate come spese di rappresentanza

Nella Delibera n. 47 del 22 settembre 2016 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, un Comune chiede un parere

Istat: pubblicato l’aggiornamento dell’Indice sul costo della vita a maggio 2019

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 149 del 27 giugno 2019 il Comunicato Istat recante l’aggiornamento al mese di maggio