Trasferimenti erariali: ripartiti i contributi alle Regioni per fronteggiare le spese per l’assistenza dei bambini con disabilità

Trasferimenti erariali: ripartiti i contributi alle Regioni per fronteggiare le spese per l’assistenza dei bambini con disabilità

È stato pubblicato sulla G.U. n. 23 del 28 gennaio 2019 il Dpcm. 21 dicembre 2018, relativo al riparto del contributo di Euro 75 milioni per l’anno 2018 a favore delle Regioni a Statuto ordinario e degli Enti territoriali che esercitano le funzioni relative all’assistenza per l’autonomia e la comunicazione personale degli alunni con disabilità fisiche o sensoriali.

Il contributo economico previsto, da considerarsi integrativo alla copertura finanziaria prevista nelle disposizioni regionali attinenti alle “funzioni non fondamentali” delle Province e Città metropolitane, sarà così suddiviso:

  • l’80% sarà destinato in proporzione alla presenza degli alunni disabili, limitatamente alle Scuole secondarie superiori presenti in ciascuna Provincia nell’anno scolastico 2017/2018;
  • il 20% sarà erogato in proporzione alla spesa media storica sostenuta dalle Province per l’esercizio delle suddette funzioni nel triennio 2012/2014.

Nel caso in cui le funzioni di assistenza degli alunni disabili siano svolte da soggetti diversi dalle Province e dalle Città metropolitane, la quota del contributo sarà attribuita alla Regione che stabilirà le modalità di riparto tra gli Enti territoriali interessati.

Il dettaglio delle cifre assegnate, ripartite per Provincia, è consultabile nell’Allegato “A, che forma parte integrante del Dpcm. in commento.

di Ketty Riolo


Related Articles

Potenziale operazione di acquisto di Azienda da parte di una Società partecipata

La Corte dei conti Liguria il 9 ottobre scorso ha emanato la Delibera n. 55, esprimendosi in merito ad una

Appalti di servizi: Se le figure di Rup e Direttore coincidono, la quota del 40% a titolo di incentivi spettante al Direttore, viene erogata ugualmente ?

Testo del quesito: “A seguito dell’approvazione di un regolamento post aggiudicazione di una gara, durante le verifiche al fine di

“E-fatture”: cosa prevede l’ordinamento in merito all’applicazione delle sanzioni per tardiva emissione nel periodo transitorio ?

Testo del quesito: “Nel caso in cui un Comune con volume d’affari sopra o sotto Euro 400.000 emetta tardivamente una

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.