Trasferimenti erariali: ripartito tra i Comuni il contributo di 390 milioni previsto dalla “Legge di stabilità”

Trasferimenti erariali: ripartito tra i Comuni il contributo di 390 milioni previsto dalla “Legge di stabilità”

Con il Comunicato 6 aprile 2016, il Ministero dell’Interno-Direzione centrale per la Finanza locale, ha anticipato gli importi delle quote del contributo di 390 milioni di Euro di cui all’art. 1, comma 20, della Legge n. 208/15 (“Legge di stabilità 2016”) spettanti ai Comuni.

Il via libera ufficiale al trasferimento delle risorse in questione sarà dato da un Decreto interministeriale attualmente in corso di perfezionamento.

Le somme sono state attribuite in proporzione a quelle assegnate con Dm. Mef 6 novembre 2014 e tenendo conto dei gettiti Imu e Tasi. In applicazione del citato art. 1, comma 20, questi importi non rientrano tra le entrate finali rilevanti per il calcolo del pareggio di bilancio.

I Comuni delle Regioni a statuto ordinario e delle Regioni Friuli Venezia Giulia, Sicilia e Sardegna beneficiari del contributo sono complessivamente 1.831.

Gli importi sono stati diffusi per agevolare gli Enti che stanno predisponendo il bilancio di previsione 2016 ma saranno corrisposti soltanto dopo la  pubblicazione in G.U. del provvedimento definitivo.


Related Articles

Cassa DD.PP.: entro il 1º dicembre 2015 gli Enti Locali possono chiedere rimborso anticipato o riduzione dei prestiti in essere

Con il Comunicato 10 novembre 2015, Cassa Depositi e Prestiti ha reso noto che, entro il 1º dicembre 2015, Regioni,

Riposi compensativi: nessun limite temporale previsto dalla Contrattazione per la loro fruizione in assenza della “banca-ore”

L’Aran ha recentemente risposto ad un quesito (Orientamento applicativo Ral_1964 del 20 marzo 2018), fornendo chiarimenti in merito alla possibilità

Corretta gestione della spesa pubblica: incostituzionale il blocco delle assunzioni nelle P.A. troppo lente nei pagamenti ai fornitori

Nella Sentenza n. 272 del 22 dicembre 2015 la Corte Costituzionale, accogliendo il ricorso della Regione Veneto, ha dichiarato l’illegittimità