Trasporto sanitario di urgenza: la Corte Ue detta le condizioni per l’affidamento diretto del servizio

Trasporto sanitario di urgenza: la Corte Ue detta le condizioni per l’affidamento diretto del servizio

La Corte di Giustizia Europea, con la Sentenza n. C-113/13 dell’11 dicembre 2014, si esprime sulle condizioni che devono sussistere affinché i servizi di trasporto sanitario di urgenza possono essere attribuiti in via prioritaria e con affidamento diretto alle Associazioni di volontariato.La Corte osserva che gli artt. 49 e 56 del Tfue devono essere interpretati nel senso che non ostano ad una normativa nazionale che, prevede che la fornitura dei servizi di trasporto sanitario di urgenza ed emergenza debba essere attribuita in via prioritaria e con affidamento diretto, in mancanza di qualsiasi pubblicità, alle Associazioni di volontariato convenzionate, purché l’ambito normativo e convenzionale in cui si svolge l’attività delle associazioni in parola contribuisca effettivamente alla finalità sociale e al perseguimento degli obiettivi di solidarietà ed efficienza di bilancio su cui detta disciplina è basata.



Related Articles

Mancati incassi tributi locali: tra marzo e aprile, l’emergenza sanitaria è costata ai Comuni 1,6 miliardi di Euro

Una contrazione del 65,4% dei proventi da tributi incassati o, in altre parole, 1,6 miliardi di Euro che mancano all’appello

Concessioni di servizi: è applicabile il principio di tassatività delle cause di esclusione ex art. 46, comma 1-bis, del Dlgs. n. 163/06

Nella Sentenza n. 18 del 7 gennaio 2015 del Tar Puglia, i Giudici pugliesi affermano che il solo parametro per

P.A. aggiudicatrice può agire per se stessa e per altre P.A. non direttamente parti di un accordo quadro

Sui requisiti che devono sussistere nel caso in cui un’amministrazione aggiudicatrice agisca per essa stessa e per altre amministrazioni aggiudicatrici