Tutela patrimonio basata su logica dell’emergenza

Tutela patrimonio basata su logica dell’emergenza

Con il Comunicato n. 80 del 22 dicembre 2020, la Corte dei conti ha reso nota l’indagine sul “Fondo per la tutela del patrimonio culturale”,  approvata dalla Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato con Delibera n. 15/2020, che ricostruisce il panorama normativo dedicato alla tutela del patrimonio culturale e paesaggistico e identifica le risorse finanziarie ed essa destinate a carico del bilancio statale, del Mibact e dei Fondi strutturali e di investimento europei. Nella Delibera citata è stato affermato che, “pur considerando la natura, la tipologia e la complessità della tutela e conservazione del bene pubblico, la gestione degli interventi è apparsa per lo più contrassegnata da una logica dell’emergenza non legata a quel circuito virtuoso di una programmazione pluriennale che aveva originato l’istituzione del Fondo stesso”, ma il “carattere esclusivamente manutentivo dei beni culturali” è un profilo critico non imputabile a coloro che hanno in cura i Beni artistici, quanto piuttosto “a scarse risorse finanziarie, esigue a fronte dell’entità del patrimonio culturale presente nel nostro Paese”. Peraltro, il “Fondo”, istituito dall’art. 1, comma 9 e 10, della Legge n. 190/2014 (“Legge di stabilità 2015”) nello Stato di previsione del Mibact, è stato fornito, inizialmente, di 100 milioni di Euro per ciascuno degli anni dal 2016 al 2020, poi realizzati ed allocati sul capitolo 8099 del bilancio dello Stato, con l’obiettivo di proseguire (previo parere delle Commissioni parlamentari e trasmissione al Cipe) l’attività di manutenzione e conservazione dell’ingente patrimonio culturale del nostro Paese. Il Programma ha il compito di trovare gli interventi prioritari da realizzare, le risorse da destinare a ciascuno di essi ed il relativo cronoprogramma. Tuttavia, si riscontrano criticità relative all’alimentazione della “Banca-dati delle Amministrazioni pubbliche”, al fine di una unitaria rilevazione delle opere programmate, e carenze nell’attività di monitoraggio e controllo dell’esecuzione degli interventi. Per la Corte si impone un necessario e stretto coordinamento tra i diversi livelli di governo (Stato e Regioni), soprattutto nella fase della programmazione degli interventi e nelle modalità operative di rilevazione dei fabbisogni sul territorio, iniziando un percorso di condivisione con le Autonomie locali ispirato ad una visione strategica nazionale tale da “riconsegnare al Paese e alla collettività un patrimonio culturale risanato” anche grazie “ad una minore frammentazione delle risorse finanziarie destinate”.


Related Articles

Ici: area scoperta per lo svolgimento l’attività di Impresa

Nell’Ordinanza n. 4223 del 13 febbraio 2019 della Corte di Cassazione, un Consorzio proponeva ricorso avverso l’avviso di accertamento Ici

Fabbisogno statale: nei primi 8 mesi del 2020 è aumentato di 73,5 miliardi rispetto a quello 2019

Nel mese di agosto 2020 il saldo del Settore statale si è chiuso, in via provvisoria, con un fabbisogno di

“Covid-19”: pubblicato il Dl. n. 139/2021 relativo a riaperture, accesso a Eventi pubblici e Musei e protezione dei dati personali

Sulla G.U. n. 241 dell’8 ottobre 2021 è stato pubblicato il Dl. n. 139/2021, recante “Disposizioni urgenti per l’accesso alle

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.