Versamenti mensili Irap: gli Enti pubblici che non utilizzano il Modello “F24EP” devono utilizzare il Modello “F24”, codice-tributo “3858”

Versamenti mensili Irap: gli Enti pubblici che non utilizzano il Modello “F24EP” devono utilizzare il Modello “F24”, codice-tributo “3858”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 75/E del 9 agosto 2019, ha chiarito che per effettuare, tramite Modello “F24”, il versamento dell’acconto mensile dell’Irap dovuta da talune categorie di Amministrazioni statali ed Enti pubblici – esclusi quelli che attualmente utilizzano obbligatoriamente il Modello “F24EP” – è necessario utilizzare il codice-tributo “3858

Ricordiamo che l’art. 4-quater, comma 3, del Dl. n. 34/2019 (c.d. “Decreto Crescita”), convertito con modificazioni dalla Legge n. 58/2019, ha apportato alcune modifiche all’art. 1 del Regolamento di cui al Decreto Mef n. 421/1998, recante la disciplina delle modalità e dei termini di versamento dell’acconto mensile dell’Irap dovuta dalle Amministrazioni statali e dagli Enti pubblici, ai sensi dell’art. 30, comma 5, del Dlgs. n. 446/1997.

In particolare, è stato previsto che talune categorie di Amministrazioni ed Enti pubblici, individuate dall’art. 1, commi 4 e 6, del citato Dm. n. 421/1998, possono effettuare il pagamento dell’acconto mensile dell’Irap mediante il “Sistema del versamento unitario”, di cui agli artt. 17 e seguenti del Dlgs. n. 241/1997, limitatamente ai casi in cui non sia possibile utilizzare il Modello di versamento “F24 Enti pubblici”, di cui al Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate Prot. n. 154279 del 1° dicembre 2015.

Tanto premesso, con la Risoluzione in commento l’Agenzia ha reso noto che i versamenti di cui trattasi sono effettuati, tramite Modello “F24”, indicando il codice-tributo già esistente “3858”, denominato “Irap – versamento mensile – art. 10-bis, comma 1, Dlgs. n. 446/97”.

L’utilizzo di tale codice-tributo, istituito con la Risoluzione n. 51/E del 15 febbraio 2008, è pertanto esteso a tutti gli Enti e Amministrazioni interessati dalle nuove disposizioni sopra richiamate.

In sede di compilazione del Modello “F24”, il suddetto codice-tributo è esposto nella Sezione “Regioni”, esclusivamente in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “Importi a debito versati”, riportando inoltre:

– nel campo “Codice Regione”, il codice della Regione o Provincia autonoma a cui si riferisce il versamento, presente nella Tabella “T0 – Codici delle Regioni e delle Province autonome”, pubblicata sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate www.agenziaentrate.gov.it;

– nel campo “Rateazione/mese rif., il mese di riferimento espresso nel formato “00MM”;

– nel campo “Anno di riferimento”, l’anno d’imposta espresso nel formato “AAAA”.


Related Articles

Modello “F24”: aggiornato il software di controllo degli intermediari della riscossione

L’Agenzia delle Entrate comunica che, in data 14 ottobre 2015, è stato fatto un’ulteriore aggiornamento del software di controllo dei

Revisione economico finanziaria: no all’esercizio “in convenzione” tra più Enti

Nella Delibera n. 185 del 30 novembre 2017 della Corte dei conti Sicilia, un Sindaco ha chiesto un parere in

Società “in house”: il Presidente e Amministratore delegato può svolgere l’incarico di Direttore generale

L’Anac, con la Delibera n. 1005 dell’11 ottobre 2017, in risposta ad un quesito posto da una Società“in house”, ha

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.