Violazioni “Codice della Strada”: chiarimenti sulla destinazione dei proventi delle sanzioni

Violazioni “Codice della Strada”: chiarimenti sulla destinazione dei proventi delle sanzioni

Nella Delibera n. 44 del 3 maggio 2016 della Corte dei conti Emilia Romagna, viene chiesto un parere sulla destinazione dei proventi delle sanzioni per violazione delle norme del “Codice della Strada”, ed in particolare, se sia possibile effettuare il calcolo della somma da ripartire sottraendo, prima di effettuare la ripartizione, dalla somma complessivamente incassata tutte le spese connesse al rilevamento (spese noleggio autovelox), all’accertamento (software e banche dati) e alla notifica della violazione, nonché quelle successive relative alla riscossione della sanzione.

La Sezione afferma che la specifica destinazione attribuita ai proventi, che non ne comprende anche l’utilizzo per spese accessorie connesse a procedimenti di accertamento ed esazione, fa ritenere che questi siano da considerarsi al netto di tali spese e dunque al netto delle spese connesse al rilevamento (spese noleggio autovelox), all’accertamento (software e banche dati) e alla notifica della violazione, nonché di quelle successive relative alla riscossione della sanzione.


Related Articles

“Part-time”: condizioni per l’incremento delle ore settimanali di un dipendente comunale

Nella Delibera n. 144 del 20 maggio 2016 della Corte dei conti Campania, la questione controversa consiste nello stabilire se

Riscossione Imposta di soggiorno: è connotata dai presupposti che determinano l’obbligo di resa del conto giudiziale

Nella Sentenza n. 22 del 22 settembre 2016 della Corte dei conti, Sezioni Unite, la questione controversa in esame riguarda

Concorsi: obbligo di verifica della correttezza della domanda di partecipazione

Nella Sentenza n. 148 del 25 marzo 2021 del Tar Abruzzo, la controversia ha origine dal ricorso di 2 candidati