Welfare: pubblicata in G.U. la Legge n. 227/2021, relativa alla delega al Governo in materia di Disabilità

Welfare: pubblicata in G.U. la Legge n. 227/2021, relativa alla delega al Governo in materia di Disabilità

Sulla G.U. n. 309 del 30 dicembre 2021 è stata pubblicata la Legge 22 dicembre 2021, n. 227, recante “Delega al Governo in materia di Disabilità.

La Legge n. 227/2021 decreta che il Governo è delegato ad adottare, entro 20 mesi dal 31 dicembre 2021 (data di entrata in vigore della Legge stessa), uno o più Decreti legislativi per la revisione e il riordino delle disposizioni vigenti in materia di Disabilità al fine di garantire alla persona con disabilità di ottenere il riconoscimento della propria condizione, anche attraverso una valutazione della stessa congruente, trasparente e agevole che consenta il pieno esercizio dei suoi diritti civili e sociali, compresi il diritto alla vita indipendente e alla piena inclusione sociale e lavorativa, nonché l’effettivo e pieno accesso al sistema dei servizi, delle prestazioni, dei trasferimenti finanziari previsti e di ogni altra relativa agevolazione.

In particolare, tra gli elementi di maggior interesse per gli Enti Locali, con riguardo alla riqualificazione dei servizi pubblici in materia di Inclusione e Accessibilità e fermi restando gli obblighi derivanti dalla normativa vigente, i principi e criteri direttivi a cui si atterrà il Governo nell’emanazione dei successivi Decreti sono:

  • prevedere che presso ciascuna Amministrazione possa essere individuata una figura dirigenziale preposta alla programmazione strategica della piena accessibilità, fisica e digitale, delle Amministrazioni da parte delle persone con disabilità;
  • prevedere la nomina, da parte dei datori di lavoro pubblici, di un Responsabile del processo di inserimento delle persone con disabilità nell’ambiente di lavoro;
  • prevedere che il rispetto degli obiettivi derivanti dalla programmazione strategica della piena accessibilità, fisica e digitale, delle Amministrazioni da parte delle persone con disabilità sia inserito tra gli obiettivi da valutare ai fini della performance del personale dirigenziale;
  • estendere il ricorso per l’efficienza delle Amministrazioni e dei concessionari di servizi pubblici alla mancata attuazione o alla violazione dei livelli di qualità dei servizi essenziali per l’inclusione sociale e la possibilità di accesso delle persone con disabilità oppure degli obblighi previsti dalla normativa vigente in materia.

Related Articles

Clausola sociale: deve essere armonizzata con i Principi europei della libera concorrenza e della libertà d’impresa

Nella Sentenza n. 14796 del 23 dicembre 2019 del Tar Lazio, la questione controversa riguarda i limiti della clausola sociale

Tia: soggettività passiva nei contratti di leasing

Nella Sentenza n. 755 del 19 febbraio 2019 della Ctr Lombardia, la questione controversa riguarda l’impugnazione da parte di una

Siglato un accordo tra Anci e Coni per la promozione della pratica sportiva

Con un Comunicato del 29 ottobre 2014, l’Anci ha reso nota l’avvenuta firma di un Protocollo d’intesa, siglato dall’Associazione dei

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.