​“Terzo Settore”: assegnati i contributi 2013 per l’acquisto di ambulanze e beni strumentali  

​“Terzo Settore”: assegnati i contributi 2013 per l’acquisto di ambulanze e beni strumentali   

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, con una Nota pubblicata il 24 novembre 2014 sul proprio sito internet, ha informato dell’avvenuta emanazione del Decreto direttoriale n. 263/14 (attualmente in corso di registrazione alla Corte dei conti), con il quale sono stati attribuiti i contributi per l’annualità 2013 in favore delle Associazioni di volontariato e delle Onlus che hanno presentato le richieste per gli acquisti di ambulanze, beni strumentali e beni da donare a strutture sanitarie pubbliche.

Con la stessa comunicazione, il Dicastero ha informato che le Associazioni non incluse nell’Elenco allegato al Decreto saranno informate, con Nota raccomandata, delle ragioni che hanno portato ad escludere o ritenere inammissibili le loro domande di contributo.

Il Ministero ha stanziato complessivamente Euro 7.280.984, così ripartiti:

I.            Euro 4.368.590,40 per l’acquistoo l’acquisizione di ambulanze;

II.            Euro 2.548.344,40 per l’acquisto o l’acquisizione di beni strumentali;

III.            Euro 2.548.344,40 per l’acquisto di beni donati a strutture sanitarie pubbliche.

Per quanto riguarda Trento e Bolzano, saranno le Province a percepire i contributi e ad erogarli poi ai beneficiari.

Nella Nota, il Ministero ha evidenziato che le Associazioni di volontariato e le Onlus che non sono indicate nell’elenco (che costituisce parte integrante del Decreto) saranno informate con Nota raccomandata in merito alla motivazione relativa all’inammissibilità o alla esclusione delle rispettive domande dal contributo.

 


Related Articles

Aggiudicazione appalto: differenza tra criteri soggettivi di qualificazione e criteri oggettivi di valutazione dell’offerta

Nella Sentenza n. 279 del 17 gennaio 2018 del Consiglio di Stato, i Giudici statuiscono che l’inserimento di requisiti di

“Servizio idrico integrato”: spetta all’Ato individuare la figura gestoria più opportuna mediante la quale provvedere all’erogazione

Nella Sentenza 1229 del 5 ottobre 2016 del Tar Piemonte, i Giudici hanno rilevato che il sistema di organizzazione del

“Servizi Demografici”: chiarimenti applicativi sulle novità in materia di separazione e scioglimento del matrimonio

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per i Servizi Demografici, ha diffuso sul proprio sito istituzionale la Circolare n. 6