”#italia sicura”: parte la campagna contro il dissesto idrogeologico e per l’edilizia scolastica

”#italia sicura”: parte la campagna contro il dissesto idrogeologico e per l’edilizia scolastica

Sotto lo slogan  “Se l’Italia si cura, l’Italia è più sicura”, il Governo ha annunciato l’avvio del sito www.italiasicura.governo.it e presentato la campagna di comunicazione denominata “#italia sicura”.

Il lancio del progetto – definito dal Governo stesso una “cabina di regia contro il dissesto idrogeologico e per l’edilizia scolastica” – ha paradossalmente coinciso con l’esondazione del Bisagno che tra giovedì e venerdì scorso ha messo in ginocchio la città di Genova.

La campagna di comunicazione si pone l’obiettivo rendere i cittadini più consapevoli dei rischi presenti nei territori in cui vivono e sulle azioni e le opere che sono state avviate per ridurli: sul sito dedicato sono state messe a disposizione informazioni sui cantieri e le opere finanziate, sulle iniziative per la difesa dell’ambiente e quelle per la riqualificazione delle scuole.

La campagna – si legge nel Comunicato diffuso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – indica il cambio radicale di approccio alle due grandi questioni aperte da sempre: l’Italia che frana e si allaga troppo facilmente e le condizioni di moltissime scuole italiane


Tags assigned to this article:
edilizia scolasticasicurezzaterritorio

Related Articles

Armonizzazione: il quadro della Corte dei conti alla vigilia dell’entrata in vigore della riforma della contabilità

E’ stato pubblicato sul sito istituzionale della Corte dei conti il testo relativo all’Audizione tenuta il 27 novembre 2014 da

Notifica telematica di atto processuale ad una P.A.: è valido solo se inviato alla Pec inserita nel Registro del Ministero della Giustizia

Nella Sentenza n. 1842 del 13 luglio 2017 del Tar Palermo, i Giudici si esprimono sulla validità della notifica telematica

Piccoli Comuni: Anci, “No alle fusioni obbligatorie ma occorre riforma di sistema”

Non Unioni o fusioni obbligatorie ma un nuovo assetto normativo che dia stabilità e certezza all’associazionismo tra Comuni: questo, in