Iva: è corretto applicare al Servizio di “Refezione” per i Centri estivi la stessa aliquota 4% prevista per la Mensa scolastica?

Iva: è corretto applicare al Servizio di “Refezione” per i Centri estivi la stessa aliquota 4% prevista per la Mensa scolastica?

Il testo del quesito:

La ditta alla quale abbiamo affidato il Servizio di ‘Refezione scolastica’ ci ha fatturato la refezione per il servizio centri estivi al 4% dicendo che anche il Servizio di Mensa Centri estivi viene considerato accessorio al Servizio Refezione scolastica in quanto facente parte dello stesso appalto.

Negli anni precedenti avevamo una ditta diversa che ci fatturava al 10% la refezione dei centri estivi. Ci hanno detto che se vogliamo la fattura al 10% vogliono una richiesta scritta. Cosa ci consigli di fare? Ci teniamo la fattura al 4% o rischiamo qualcosa ?

 

La risposta dei ns. esperti.

In merito al quesito posto, segnaliamo che – sebbene l’appalto sia in effetti lo stesso – l’applicazione dell’aliquota del 4% risulta, a parere di chi scrive, errata. La ragione di tale conclusione è da rintracciare, innanzitutto, nel n. 37) della Tabella “A”, Parte II, allegata al Dpr. n. 633/72, che fa espressamente riferimento alle Mense scolastiche e che pertanto non si ritiene possa essere estendibile anche ai pasti erogati nell’ambito dei Centri estivi.

Inoltre, il principio di “accessorietà” di cui all’art. 12 del Dpr. n. 633/72 (vedasi tra le altre la Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 216/02) prevede che siano rispettate 3 condizioni:

a) che il fornitore della prestazione accessoria sia lo stesso fornitore del Servizio principale o un soggetto che opera per suo conto → condizione che viene rispettata nel caso di specie;

b) che le parti interessate dalla prestazione accessoria siano le stesse parti del Servizio principale → condizione che viene rispettata nel caso di specie;

c) che la prestazione accessoria integri e completi l’operazione principale e comunque la renda possibile formando un “tutt’uno” con la stessa (vedasi anche la Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 230/02) → riguardo a tale aspetto, il Servizio pasti dei Centri estivi certamente integra in termini di prestazione di servizio da garantire nell’intero appalto il Servizio di Mensa scolastica, ma non è correlato a tale Servizio, nel senso che quest’ultimo non è reso possibile attraverso l’erogazione del primo ma è autonomo rispetto allo stesso.

di Francesco Vegni


Tags assigned to this article:
aliquotaIVAservizio refezione

Related Articles

“E-fattura”: alcuni chiarimenti sugli obblighi verso committenti soggetti Iva che non residenti ma identificati in Italia

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 67 del 26 febbraio 2019, ha fornito chiarimenti in merito

Regime fiscale Associazioni e Società sportive dilettantistiche: emanata una Circolare delle Entrate utile anche agli Enti Locali

L’Agenzia delle Entrate – Direzione centrale Coordinamento normativo, con la Circolare n. 18/E del 1° agosto 2018, ha fornito chiarimenti

“Ravvedimento operoso”: cambia il saggio di interesse legale per l’anno 2021

È stato pubblicato sulla G.U. n. 310 del 15 dicembre 2020 il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze 11