Abitazione principale: separazione di fatto dei coniugi

Abitazione principale: separazione di fatto dei coniugi

Nell’Ordinanza n. 31958 del 5 novembre 2021 della Corte di Cassazione, la Suprema Corte chiarisce che, in materia di Ici, ai fini della spettanza della detrazione prevista, per qualificare le abitazioni come principali (per tale intendendosi, salvo prova contraria, quella di residenza anagrafica), ai sensi dell’art. 8 del Dlgs. n. 504/1992, come modificato dall’art. 1, comma 173, lett. b), della Legge n. 296/2006, con decorrenza dal 1° gennaio 2007, occorre che il contribuente provi che l’abitazione costituisce dimora abituale non solo propria, ma anche dei suoi familiari, non potendo sorgere il diritto alla detrazione ove tale requisito sia riscontrabile solo per il medesimo.

Inoltre, i Giudici di legittimità precisano che nel caso in cui il soggetto passivo dell’Ici sia coniugato, ai fini della spettanza delle detrazioni e riduzioni dell’imposta previste per l’unità immobiliare adibita ad abitazione principale del soggetto passivo, non basta che il coniuge abbia trasferito la propria residenza nel Comune in cui l’immobile è situato ma occorre che in tale immobile si realizzi la coabitazione dei coniugi, atteso che, considerato che l’art. 144 del Cc. prevede che i coniugi possano avere esigenze diverse ai fini della residenza individuale e fissare altrove quella della famiglia, ciò che assume rilevanza, per beneficiare di dette agevolazioni, non è la residenza dei singoli coniugi bensì quella della famiglia.

Ed ancora in tema di Ici ed Imu, ai fini dell’esenzione prevista dall’art. 8 del Dlgs. n. 504/1992, per l’abitazione principale – per tale intendendosi, salvo prova contraria, quella di residenza anagrafica – è necessario che, in riferimento alla stessa unità immobiliare, tanto il possessore quanto il suo nucleo familiare non solo vi dimorino stabilmente, ma vi risiedano anche anagraficamente, conformemente alla natura di stretta interpretazione delle norme agevolative. 


Related Articles

“Covid-19”: introduzione del “Green pass” per le attività aperte al pubblico e nuovi criteri per la ripartizione delle Regioni italiane

Sulla G.U. n. 175 del 23 luglio 2021, è stato pubblicato il Dl. n. 105/2021 recante “Misure urgenti per fronteggiare

“Superbonus”: le Associazioni e Società sportive che effettuano lavori su Impianti comunali ne possono usufruire ma solo per gli spogliatoi

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 774 del 10 novembre 2021, ha fornito chiarimenti in ordine

Ici: efficacia retroattiva dalla data di presentazione della richiesta di attribuzione della rendita e denuncia di variazione

Nella Sentenza n. 9595 dell’11 maggio 2016 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda l’individuazione del momento in cui

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.