Abitazioni di lusso: escluse dal calcolo le superfici non abitabili  

Abitazioni di lusso: escluse dal calcolo le superfici non abitabili   

La Ctr Firenze, con la Sentenza n. 1881 del 30 settembre 2014, ha affermato che, per stabilire se la singola unità immobiliare possa essere qualificata come abitazione di lusso ai sensi del Dm. Ministero dei Lavori pubblici 2 agosto 1969, è necessario riscontrare se la medesima possa essere considerata come abitabile. In particolare, la potenzialità abitativa delle soffitte va valutata alla luce delle caratteristiche tecniche cui devono corrispondere i vani per essere considerati abitabili, secondo la normativa statale e locale vigente. I Giudici hanno chiarito che le soffitte, così come balconi, terrazze, cantine, scale e posto macchina, sono, se non abitabili, escluse dal calcolo della superficie per espressa previsione dell’art. 5, del Dm. Ministero dei Lavori pubblici 2 agosto 1969.


Tags assigned to this article:
Ctrimmobililusso

Related Articles

Elezioni amministrative ed europee del 25 maggio 2014: emanata una Circolare della Finanza locale sulle spese elettorali

La Direzione centrale per la Finanza locale presso il Ministero dell’Interno, in considerazione del fatto che gli oneri derivanti dai

Risorse stabili legittimamente presenti nel “Fondo per la contrattazione integrativa” e non utilizzate

La Delibera n. 110 del 10 dicembre 2014 della Corte dei conti Basilicata verte sul caso di un Sindaco che,

Ici: il proprietario di un immobile oggetto di sequestro penale resta soggetto passivo d’imposta

Nella Sentenza n. 19882 del 9 agosto 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, in tema