Accesso in materia ambientale

Nella Sentenza n. 678 dell’8 ottobre 2015 del Tar Abruzzo, i Giudici osservano che l’art. 3 del Dlgs. n. 195/05, con il quale è stata data attuazione alla Direttiva n. 2003/4/Ce sull’accesso del pubblico all’informazione ambientale, ha introdotto una fattispecie speciale di accesso in materia ambientale, che si connota, rispetto a quella generale prevista nella Legge n. 241/90, per 2 particolarità:

  • l’estensione del novero dei soggetti legittimati all’accesso;
  • il contenuto delle cognizioni accessibili.

Sotto il primo profilo, l’art. 3 del Dlgs. n. 195/03 puntualizza che le informazioni ambientali spettano a chiunque le richieda, senza necessità, in deroga alla disciplina generale

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Iva su acquisti intracomunitari: irrilevante la fattura emessa dal rappresentante fiscale in Italia di fornitore estero

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 21/E del 20 febbraio 2015, è intervenuta in merito all’inversione contabile ai sensi

Qualifica di Soggetto aggregatore: necessaria l’iscrizione nello specifico Elenco tenuto dall’Anac

Nella Sentenza n. 6787 del 3 novembre 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici affermano che per poter acquisire la

Trasferimenti erariali: ripartite le risorse 2013 del “Fondo nazionale per le politiche giovanili”

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 39 del 17 febbraio 2014 il Decreto 19 novembre 2013 della Presidenza del Consiglio