Accollo di spese connesse alla gestione di beni ricevuti in comodato: compatibilità con l’ordinamento contabile degli Enti Locali

Accollo di spese connesse alla gestione di beni ricevuti in comodato: compatibilità con l’ordinamento contabile degli Enti Locali

Nella Delibera n. 260 del 3 ottobre 2016 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha formulato una richiesta di parere avente ad oggetto la compatibilità con l’ordinamento contabile degli Enti Locali dell’accollo di spese connesse alla gestione di beni ricevuti in comodato. In particolare, il Sindaco chiede una pronuncia di orientamento generale in ordine alla compatibilità delle spese indicate rispetto al quadro normativo vigente delle funzioni attribuite ai Comuni. La Sezione afferma che, fermo restando il necessario rispetto degli equilibri di bilancio e delle regole di coordinamento della finanza pubblica, il Comune dispone di discrezionalità nell’individuare le proprie finalità istituzionali, e le spese a tal fine necessarie, salva la necessaria inerenza al territorio ed alla popolazione di riferimento ed il divieto di espletare attività espressamente attribuite ad altri soggetti dalla Legge statale o regionale. Naturalmente, nell’effettuare tale scelta, in particolare sotto il profilo delle modalità, il Comune, oltre ad osservare le norme in materia di equilibrio dei bilanci e di coordinamento della finanza pubblica (in primis, il conseguimento del saldo finanziario annuale), deve rispettare i principi di economicità ed efficienza propri di tutte le attività amministrative pubbliche.


Related Articles

Tarsu: per gli stabilimenti balneari la pretesa fiscale deve essere ridotta a un quarto

Nella Sentenza n. 476/21/2015 della Ctr Palermo, i Giudici hanno affermato che le cartelle di pagamento afferenti la Tarsu devono

Accertamento: il contribuente può proporre ricorso contro l’atto, in autotutela, che lo annulla parzialmente

Nella Sentenza n. 14243 dell’8 luglio 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici affermano che “deve essere riconosciuta la possibilità

Anac: fino al 15 novembre 2021 aperta la consultazione sullo schema di Linee-guida recanti “Indicazioni in materia di affidamenti di Servizi sociali”

Dal 1° ottobre 2021 fino al 15 novembre 2021, sul sito di Anac sarà aperta la consultazione relativa allo schema