Acquisizione al patrimonio comunale di un immobile abusivo

Acquisizione al patrimonio comunale di un immobile abusivo

Nella Sentenza n. 48 del 12 ottobre 2018 del Tar Valle d’Aosta, la questione controversa in esame riguarda la legittimazione del creditore ipotecario ad impugnare il provvedimento di acquisizione al patrimonio comunale di un immobile abusivo. I Giudici chiariscono che il ricorso, proposto da un Istituto bancario avverso il provvedimento di acquisizione al patrimonio comunale di un immobile sul quale è stato realizzato un abuso da un terzo destinatario di un mutuo ipotecario, è inammissibile. I Giudici pongono in evidenza che l’eventuale mancata inottemperanza comporta l’acquisizione dell’immobile al patrimonio comunale con perdita del credito ipotecario. Inoltre, i Giudici aggiungono che

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Tarsu: legittima l’imposizione differenziata tra stabilimenti balneari e bar-ristoranti

Nella Sentenza n. 5475 del 5 novembre 2014 del Consiglio di Stato, pubblicata oggi sul sito di Giustizia amministrativa, alcuni

Ici: quando un’area viene qualificata come “pertinenza”?

Ctr Abruzzo, Sentenza n. 702 del 26 luglio 2017 Nella fattispecie in esame, la questione controversa riguarda i criteri per

Consultazioni europee e amministrative 2019: i chiarimenti del Viminale su tempi e modalità di invio delle rendicontazioni delle spese

Il termine per produrre la rendicontazione delle spese sostenute dai Comuni per le Elezioni scade 4 mesi dopo il giorno

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.