Acquisti beni e servizi P.A.: aggiornati i prezzi di riferimento per le forniture di carta

Acquisti beni e servizi P.A.: aggiornati i prezzi di riferimento per le forniture di carta

L’Autorità nazionale Anticorruzione ha pubblicato il 5 ottobre 2020 sul proprio sito istituzionale la Delibera n. 744 del 30 settembre 2020, che aggiorna i prezzi di riferimento della carta in risme precedentemente fissati da un analogo Provvedimento.

Ricordiamo che quelli per la fornitura di carta sono stati i primi prezzi di riferimento approvati dall’Authority in applicazione del Dl. n. 66/2014, convertito con Legge n. 89/2014, che non siano non afferenti all’Ambito sanitario e interessino quindi anche gli Enti Locali.

I prezzi fanno riferimento alle tipologie di carta più frequentemente acquistate dalle P.A., vale a dire:

  • carta formato “A4” in risme da 500 fogli grammatura da 80 a 84 g/mq. in scatole da 5 risme;
  • carta formato “A3” in risme da 500 fogli grammatura da 80 a 84 g/mq. in scatole da 5 risme.

I nuovi importi di riferimento, approvati dal Consiglio dell’Autorità nel corso dell’Adunanza del 27 settembre 2017, sono superiori dell’1,000%% rispetto a quelli dello scorso anno.

Ricordiamo che questi parametri sono utilizzati per la programmazione dell’attività contrattuale della P.A e costituiscono il prezzo massimo di aggiudicazione, anche per le procedure di gara aggiudicate all’offerta più vantaggiosa, in tutti i casi in cui non è presente una Convenzione stipulata ai sensi dell’art. 26, comma 1, della Legge n. 488/99, in ambito nazionale ovvero nell’ambito territoriale di riferimento. I contratti stipulati in violazione di tale prezzo massimo sono pertanto nulli.


Related Articles

“Piano casa”: chiarimenti del Ministero dell’Interno sull’applicazione delle norme anti abusivismo

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per i Servizi Demografici, ha chiarito – con la Circolare n. 14 del 1˚

Dissesto finanziario: applicazione della sanzione prevista dall’art. 248, comma 5, del Tuel

Nella Sentenza n. 67 del 15 aprile 2015, la Corte dei conti – Sezione giurisdizionale per la Regione Piemonte, si

Tarsu: soggettività a carico Centri commerciali tra gestori dei servizi comuni e detentori dei locali in uso esclusivo

Nella Sentenza n. 26201 del 18 ottobre 2018, della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame ha ad oggetto

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.