Acquisto immobili: requisiti di “indispensabilità e indilazionabilità”

Acquisto immobili: requisiti di “indispensabilità e indilazionabilità”

Nella Delibera n. 35 del 4 maggio 2018 della Corte dei conti Lazio, viene chiesto un parere sulla portata applicativa del requisito di “indispensabilità” previsto dalla vigente normativa al fine di procedere all’acquisto di immobili da parte degli Enti Locali. La Sezione rileva che l’acquisto di immobili da parte delle Amministrazioni pubbliche è attualmente disciplinato, dall’art. 12 del Dl. n. 98/11, convertito con modificazioni dalla Legge n. 111/11. La Sezione chiarisce che un Ente Locale, per procedere all’acquisizione di beni immobili, deve dimostrare nel provvedimento di autorizzazione, salvo che ricorrano una delle eccezioni previste dalla norma, l’esistenza dei requisiti di “indispensabilità e indilazionabilità”, richiesti dall’art. 12, comma 1-ter del Dl. n. 98/11, convertito dalla Legge n. 111/11, esplicitando puntualmente i presupposti di fatto e di diritto alla base dell’acquisto al patrimonio comunale ed evidenziando i vantaggi, anche economici, derivanti da tale opzione.


Related Articles

Organismo di diritto pubblico avente la forma della Spa: competenza dell’Amministratore delegato in materia di esclusione dalla gara

Nella Sentenza n. 4401 del 9 luglio 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici affermano che, ai sensi dell’art. 80

Proroga e rinnovo: violazione dei principi della libera concorrenza, parità di trattamento, non discriminazione e trasparenza

Nel Parere n. 184 del 3 marzo 2021, l’Anac afferma che, al di fuori dei casi strettamente previsti dalla legge,

Dichiarazione sull’esistenza di una pertinenza: in sede contenziosa può essere superata dalla prova del contribuente

  Nella Sentenza n. 19126 del 28 settembre 2016 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità rilevano che la