Acquisto immobili: requisiti di “indispensabilità e indilazionabilità”

Acquisto immobili: requisiti di “indispensabilità e indilazionabilità”

Nella Delibera n. 35 del 4 maggio 2018 della Corte dei conti Lazio, viene chiesto un parere sulla portata applicativa del requisito di “indispensabilità” previsto dalla vigente normativa al fine di procedere all’acquisto di immobili da parte degli Enti Locali. La Sezione rileva che l’acquisto di immobili da parte delle Amministrazioni pubbliche è attualmente disciplinato, dall’art. 12 del Dl. n. 98/11, convertito con modificazioni dalla Legge n. 111/11. La Sezione chiarisce che un Ente Locale, per procedere all’acquisizione di beni immobili, deve dimostrare nel provvedimento di autorizzazione, salvo che ricorrano una delle eccezioni previste dalla norma, l’esistenza dei requisiti di “indispensabilità e indilazionabilità”, richiesti dall’art. 12, comma 1-ter del Dl. n. 98/11, convertito dalla Legge n. 111/11, esplicitando puntualmente i presupposti di fatto e di diritto alla base dell’acquisto al patrimonio comunale ed evidenziando i vantaggi, anche economici, derivanti da tale opzione.


Related Articles

Validità lettera patronage su debiti Società in house emessa in apparente violazione art. 297 Tuel

Sulla validità di una lettera di patronage sui debiti della società in house, emessa da un sindaco in apparente violazione

Accertamenti catastali: istituiti i codici-tributo per il versamento tramite “F24” delle somme dovute

  Con la Risoluzione n. 50/E, del 13 maggio 2015, l’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici-tributo per il versamento,

Iva: esente con diritto alla detrazione la locazione di tendostrutture funzionali alle vaccinazioni anti “Covid-19”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 81 del 9 febbraio 2022, ha fornito chiarimenti in ordine