Affidatari diretti di servizi pubblici locali: infondatezza del divieto di partecipazione alle nuove gare

Affidatari diretti di servizi pubblici locali: infondatezza del divieto di partecipazione alle nuove gare

Nella Sentenza n. 981 del 29 giugno 2015 del Tar Toscana, i Giudici statuiscono che il divieto di partecipazione alle gare per l’affidamento di servizi pubblici locali stabilito dall’art. 23-bis del Dl. n. 112/08, convertito con modificazioni in Legge n. 133/08, è venuto meno per effetto della nota abrogazione referendaria della norma, la quale non ha comportato la reviviscenza dell’art. 113 del Tuel nelle parti abrogate dallo stesso art. 23-bis. D’altro canto, a seguito della dichiarazione di incostituzionalità dell’art. 4 del Dl. n. 138/11, dettato dal Legislatore per colmare il vuoto originato dall’abrogazione dell’art. 23-bis, la materia dei servizi pubblici trova ora la sua composita disciplina nell’art. 34 del Dl. n. 179/12, nell’art. 25 del Dl. n. 1/12, nell’art. 3-bis del Dl. n. 138/11 e in una serie di disposizioni sparse, oltre che nelle previsioni settoriali relative ad alcuni Settori, cumulo normativo dal quale non è dato evincere alcun formale divieto di partecipazione alle nuove gare nei confronti degli affidatari diretti di servizi pubblici locali (salvo il divieto, che nel caso di specie non rileva, stabilito per il Settore della distribuzione del gas naturale dall’art. 14 del Dlgs. n. 164/00).

Tar Toscana – Sentenza n. 981 del 29 giugno 2015


Related Articles

Risorse destinate al trattamento accessorio del personale: limite importo per il 2017

Nella Delibera n. 132 del 5 ottobre 2017 della Corte dei conti Puglia, viene chiesto un parere riguardante l’interpretazione dell’art.

Imu: ripartito il contributo a compensazione del minor gettito destinato ai Comuni colpiti dal sisma del 2012

E’ stato pubblicato, in Gazzetta Ufficiale n. 160 del 10 luglio 2019, il Dm. 2 luglio 2019 del Ministero dell’Interno,

Tasi: applicazione delle disposizioni Imu al Modello di dichiarazione

Il Mef – Dipartimento delle Finanze – ha pubblicato sul proprio sito web istituzionale la Risoluzione 25 marzo 2015, n.