Affidatari diretti di servizi pubblici locali: infondatezza del divieto di partecipazione alle nuove gare

Affidatari diretti di servizi pubblici locali: infondatezza del divieto di partecipazione alle nuove gare

Nella Sentenza n. 981 del 29 giugno 2015 del Tar Toscana, i Giudici statuiscono che il divieto di partecipazione alle gare per l’affidamento di servizi pubblici locali stabilito dall’art. 23-bis del Dl. n. 112/08, convertito con modificazioni in Legge n. 133/08, è venuto meno per effetto della nota abrogazione referendaria della norma, la quale non ha comportato la reviviscenza dell’art. 113 del Tuel nelle parti abrogate dallo stesso art. 23-bis. D’altro canto, a seguito della dichiarazione di incostituzionalità dell’art. 4 del Dl. n. 138/11, dettato dal Legislatore per colmare il vuoto originato dall’abrogazione dell’art. 23-bis, la materia dei servizi pubblici trova ora la sua composita disciplina nell’art. 34 del Dl. n. 179/12, nell’art. 25 del Dl. n. 1/12, nell’art. 3-bis del Dl. n. 138/11 e in una serie di disposizioni sparse, oltre che nelle previsioni settoriali relative ad alcuni Settori, cumulo normativo dal quale non è dato evincere alcun formale divieto di partecipazione alle nuove gare nei confronti degli affidatari diretti di servizi pubblici locali (salvo il divieto, che nel caso di specie non rileva, stabilito per il Settore della distribuzione del gas naturale dall’art. 14 del Dlgs. n. 164/00).

Tar Toscana – Sentenza n. 981 del 29 giugno 2015


Related Articles

Servizi turistici a lunga percorrenza: destinati 50 milioni di Euro per l’acquisto di Autobus ecologici di nuova generazione

Il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, tramite una Notizia pubblicata sul proprio sito istituzionale il 18 luglio 2022,

Certificati di rendiconto al bilancio 2014: le precisazioni dell’Interno rivolte agli Enti sperimentatori  

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale ha pubblicato il 13 maggio 2015 sul proprio Portale istituzionale un

Commercio ambulante sulle spiagge: per la Corte Costituzionale la competenza sulle limitazioni per il suo esercizio è dello Stato

Corte Costituzionale, Sentenza n. 49 del 14 marzo 2014 di Carolina Vallini   A seguito dei ricorsi presentati dal Presidente