Agente della riscossione: approvato il nuovo Modello di cartella di pagamento in vigore dal 1° gennaio 2022

Agente della riscossione: approvato il nuovo Modello di cartella di pagamento in vigore dal 1° gennaio 2022

L’Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento 18 gennaio 2022, ha approvato il nuovo Modello di cartella di pagamento per i carichi affidati all’Agente della riscossione a partire dal 1° gennaio 2022.

Niente più oneri di riscossione, 3% o 6% delle somme iscritte a ruolo per pagamenti rispettivamente entro o oltre i 60 giorni. Eliminata anche la quota pari all’1% delle somme iscritte a ruolo per le ipotesi di riscossione spontanea. Queste somme saranno infatti a carico del bilancio dello Stato, così come previsto dalla Legge n. 234/2021 (“Legge di bilancio 2022”, vedi Entilocalinews n. 2 del 10 gennaio 2022).

A carico del debitore resteranno invece le spese relative alle procedure esecutive e cautelari e le spese di notifica della cartella di pagamento e degli eventuali ulteriori atti di riscossione.

Per i carichi affidati fino al 31 dicembre 2021 gli oneri di riscossione continueranno ad essere dovuti nella misura e secondo le ripartizioni previste dalle previgenti disposizioni di legge.

Gli Sgenti della riscossione dovranno utilizzare il nuovo Modello per le cartelle relative ai carichi affidatigli a partire dal 1° gennaio 2022, mentre per quelle relative ai carichi affidati fino al 31 dicembre 2021 dovrà essere utilizzato il Modello approvato con il Provvedimento 14 luglio 2017, indipendentemente dalla data di notifica della cartella di pagamento, che potrà avvenire anche successivamente al 31 dicembre 2021.


Related Articles

Corte Friuli: indirizzi per la selezione delle relazioni degli Organi di revisione economico-finanziaria degli Enti Locali

Nella Delibera n. 1 del 14 gennaio 2016 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, la Sezione afferma che l’attività

Vertice Comuni-Governo: verso lo stanziamento di ulteriori 3 miliardi di Euro in favore degli Enti Locali per garantire i servizi essenziali

Lo stanziamento di ulteriori 3 miliardi di Euro per far fronte ai servizi essenziali destinati ai cittadini e scongiurare così

Iva: in caso di pvc per errata applicazione dell’aliquota il fornitore può rivalersi sulla P.A. committente senza applicare lo “split payment”

  L’Agenzia delle Entrate – Direzione centrale Normativa, con la Risoluzione n. 75/E del 14 settembre 2016, ha chiarito che,

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.