Agevolazioni per acquisto “prima casa”

Agevolazioni per acquisto “prima casa”

Nella Sentenza n. 24542 del 4 novembre 2020 della Corte di Cassazione, la Suprema Corte rileva che, in materia di beneficio fiscale relativo all’acquisto della “prima casa”, il contribuente deve invocare, a pena di decadenza, al momento della registrazione dell’atto di acquisto, alternativamente, il criterio della residenza o quello della sede effettiva di lavoro, dovendosi valutare la spettanza del beneficio, nel primo caso, in base alle risultanze delle certificazioni anagrafiche e, nel secondo, alla stregua dell’effettiva sede di lavoro. Ne consegue che decade dall’agevolazione il contribuente che non abbia indicato, nell’atto notarile, di volere utilizzare l’abitazione in luogo di lavoro diverso dal Comune di residenza.


Related Articles

Ici: Consorzio di bonifica tenuto a pagare l’Imposta sui beni demaniali di cui dispone per le sue funzioni

Nella Sentenza n. 22482 del 27 settembre 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame riguarda l’assoggettamento o

Tarsu: legittimo prevedere tariffe diverse per stabilimenti balneari e spiagge annesse a campeggi

Nell’Ordinanza n. 22010 del 21 settembre 2017 della Corte di Cassazione, un Comune aveva individuato 3 Categorie tariffarie per gli

Tosap: condotte fognarie

Nell’Ordinanza n. 2180 del 31 gennaio 2020 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che il presupposto impositivo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.