Agevolazioni “prima casa”: decadenza dai benefici

Agevolazioni “prima casa”: decadenza dai benefici

Nell’Ordinanza n. 11622 del 16 giugno 2020 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, per quanto attiene ai benefici fiscali c.d. “prima casa”, ed alla stregua di quanto sancito dall’art. 1, comma 1, lett. a), della Tariffa allegata al Dpr. n. 131/1986, il mancato trasferimento della propria residenza, da parte dell’acquirente a titolo oneroso di una casa non di lusso, nel Comune ove è ubicato l’immobile, entro 18 mesi dall’acquisto, comporta la decadenza dai benefici. Decorrendo in tal caso, a carico dell’Amministrazione finanziaria per l’emissione dell’avviso di liquidazione dell’Imposta ordinaria e connessa Soprattassa, il termine triennale di cui all’art. 76, comma 2, del menzionato Decreto, non dalla registrazione dell’atto ma dal momento in cui l’invocato proposito di trasferimento della residenza, inizialmente attuabile, sia successivamente rimasto ineseguito o ineseguibile, e dunque, al più tardi, dal diciottesimo mese successivo alla registrazione dell’atto.


Related Articles

Cosap: Giudice competente per l’impugnazione del rifiuto di esenzione

Con la Sentenza n. 10317 del 28 luglio 2015, il Tar Lazio si è espresso sul caso di un contribuente

Offerta: è integrabile nei termini previsti dal bando

Nella Sentenza n. 1052 del 16 marzo 2016 del Consiglio di Stato, Sezione Quinta,viene accolto il ricorso proposto da una

Trasferimenti erariali: al via il bando per potenziare i Centri di raccolta dei “Raee” e realizzare Sistemi per la raccolta continuativa

Con il Comunicato 23 dicembre 2015, pubblicato sul proprio sito internet, l’Anci ha reso nota l’avvenuta pubblicazione del bando per

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.