Agevolazioni “prima casa”: decadenza dai benefici

Agevolazioni “prima casa”: decadenza dai benefici

Nell’Ordinanza n. 11622 del 16 giugno 2020 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, per quanto attiene ai benefici fiscali c.d. “prima casa”, ed alla stregua di quanto sancito dall’art. 1, comma 1, lett. a), della Tariffa allegata al Dpr. n. 131/1986, il mancato trasferimento della propria residenza, da parte dell’acquirente a titolo oneroso di una casa non di lusso, nel Comune ove è ubicato l’immobile, entro 18 mesi dall’acquisto, comporta la decadenza dai benefici. Decorrendo in tal caso, a carico dell’Amministrazione finanziaria per l’emissione dell’avviso di liquidazione dell’Imposta ordinaria e connessa Soprattassa, il termine triennale di cui all’art. 76, comma 2, del menzionato Decreto, non dalla registrazione dell’atto ma dal momento in cui l’invocato proposito di trasferimento della residenza, inizialmente attuabile, sia successivamente rimasto ineseguito o ineseguibile, e dunque, al più tardi, dal diciottesimo mese successivo alla registrazione dell’atto.


Related Articles

Servizi demografici: la Bolivia aderisce alla Convenzione dell’Aja, per i documenti “apostillati” non serve la legalizzazione consolare

Non è più necessario chiedere la legalizzazione consolare di atti pubblici boliviani, già muniti di “apostille”. Ciò in quanto, in

Accesso agli atti di un Comune riguardanti le autorizzazioni per la installazione di cartelli pubblicitari

Nella Sentenza n. 537 dell’11 giugno 2021 del Consiglio di Stato, il ricorrente da tempo lamenta la carente sicurezza della

Ministero Ambiente: criteri ambientali minimi per la sostenibilità dei consumi della P.A.

È stato pubblicato sulla G.U n. 23 del 28 gennaio 2017 il Decreto 11 gennaio 2017 del Ministero dell’Ambiente e

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.