Agevolazioni “prima casa”: decadenza dai benefici

Agevolazioni “prima casa”: decadenza dai benefici

Nell’Ordinanza n. 11622 del 16 giugno 2020 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, per quanto attiene ai benefici fiscali c.d. “prima casa”, ed alla stregua di quanto sancito dall’art. 1, comma 1, lett. a), della Tariffa allegata al Dpr. n. 131/1986, il mancato trasferimento della propria residenza, da parte dell’acquirente a titolo oneroso di una casa non di lusso, nel Comune ove è ubicato l’immobile, entro 18 mesi dall’acquisto, comporta la decadenza dai benefici. Decorrendo in tal caso, a carico dell’Amministrazione finanziaria per l’emissione dell’avviso di liquidazione dell’Imposta ordinaria e connessa Soprattassa, il termine triennale di cui all’art. 76, comma 2, del menzionato Decreto, non dalla registrazione dell’atto ma dal momento in cui l’invocato proposito di trasferimento della residenza, inizialmente attuabile, sia successivamente rimasto ineseguito o ineseguibile, e dunque, al più tardi, dal diciottesimo mese successivo alla registrazione dell’atto.


Related Articles

“Servizi Demografici”: novità in materia di certificati di Stato civile lituani

Con la Circolare n. 16 dell’8 settembre 2016, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per i Servizi Demografici, ha fornito

Tarsu: per l’esenzione occorre allegare e provare la concreta inutilizzabilità della struttura

Nella Sentenza n. 17296 del 13 luglio 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame riguarda un’attività alberghiera

Cauzione provvisoria: legittima l’esclusione dalla gara se è erroneamente intestata ad una stazione appaltante diversa

  Nel Parere n. 164 del 7 ottobre 2015 dell’Anac, una Sas, nella procedura di gara aperta per l’affidamento dell’appalto

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.