Agid: slittano al 1° gennaio 2022 le nuove regole per la conservazione della documentazione digitale

Agid: slittano al 1° gennaio 2022 le nuove regole per la conservazione della documentazione digitale

Il 17 maggio 2021 l’Agid, con la Determinazione n. 371/21 (https://trasparenza.agid.gov.it/archivio28_provvedimenti-amministrativi_0_122874_725_1.html), ha modificato il testo delle “Linee-guida sulla formazione, gestione e conservazione dei documenti informatici” e ne ha esteso i termini di entrata in vigore già fissata al 7 giugno 2021, facendola slittare al 1° gennaio 2022. 

Le modifiche effettuate – ha fatto sapere l’Agenzia – si sono rese necessarie a causa delle numerose richieste provenienti da Associazioni di categoria e Amministrazioni.

Nel dettaglio, la Determinazione prevede:                            

  • la modifica dell’“Allegato 5 – Metadati alle Linee-guida per la formazione, gestione e conservazione dei documenti informatici” con pubblicazione del nuovo testo sul sito istituzionale di Agid;
  • la modifica dell’“Allegato 6 – Comunicazione tra Aoo di Documenti amministrativi protocollati alle Linee-guida per la formazione, gestione e conservazione dei documenti informatici” e con pubblicazione del nuovo testo sul sito istituzionale di Agid;
  • la correzione di alcuni errori materiali contenuti nel testo delle Linee-guida, con pubblicazione della nuova versione sul sito istituzionale di Agid;               
  • l’approvazione di un documento contenente la sintesi delle suddette modifiche e di disporne la pubblicazione sul sito istituzionale di Agid.

Related Articles

Servizi pubblici locali: presupposti per la riconoscibilità del debito di un’Associazione destinataria di contributi comunali

Nella Delibera n. 26 del 22 gennaio 2016 della Corte dei conti Puglia, un Sindaco chiede se il debito tributario

Ici: non spetta l’esenzione per una Società di capitali per lo smaltimento dei rifiuti costituita da Comuni

Nella Sentenza n. 8872 del 4 maggio 2016 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda l’esenzione Ici di una

Commercio e attività produttive: gli Enti Locali dovranno tenere conto del “rating di legalità” delle imprese per l’attribuzione di contributi

Le Pubbliche Amministrazioni, compresi gli Enti Locali, che intendano attribuire dei contributi alle imprese, dovranno prevedere delle forme di premialità

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.