Agid: slittano al 1° gennaio 2022 le nuove regole per la conservazione della documentazione digitale

Agid: slittano al 1° gennaio 2022 le nuove regole per la conservazione della documentazione digitale

Il 17 maggio 2021 l’Agid, con la Determinazione n. 371/21 (https://trasparenza.agid.gov.it/archivio28_provvedimenti-amministrativi_0_122874_725_1.html), ha modificato il testo delle “Linee-guida sulla formazione, gestione e conservazione dei documenti informatici” e ne ha esteso i termini di entrata in vigore già fissata al 7 giugno 2021, facendola slittare al 1° gennaio 2022. 

Le modifiche effettuate – ha fatto sapere l’Agenzia – si sono rese necessarie a causa delle numerose richieste provenienti da Associazioni di categoria e Amministrazioni.

Nel dettaglio, la Determinazione prevede:                            

  • la modifica dell’“Allegato 5 – Metadati alle Linee-guida per la formazione, gestione e conservazione dei documenti informatici” con pubblicazione del nuovo testo sul sito istituzionale di Agid;
  • la modifica dell’“Allegato 6 – Comunicazione tra Aoo di Documenti amministrativi protocollati alle Linee-guida per la formazione, gestione e conservazione dei documenti informatici” e con pubblicazione del nuovo testo sul sito istituzionale di Agid;
  • la correzione di alcuni errori materiali contenuti nel testo delle Linee-guida, con pubblicazione della nuova versione sul sito istituzionale di Agid;               
  • l’approvazione di un documento contenente la sintesi delle suddette modifiche e di disporne la pubblicazione sul sito istituzionale di Agid.

Related Articles

Imposta comunale di soggiorno: spetta alla Regione predisporre gli elenchi dei Comuni abilitati ad istituirla

Nella Sentenza n. 647 del 5 maggio 2017 del Tar Toscana, i Giudici si esprimono sull’Imposta comunale di soggiorno, affermando

Conferenza Stato-Città: approvato lo schema di Dm. sui rapporti medi dipendenti-popolazione validi per Enti in “Dissesto” e “Pre-dissesto”

La Conferenza Stato-Città ed Autonomie locali, presieduta dal Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Interno, Achille Variati, si è riunita per

Iva: non rientra nell’esonero l’acquisto di mezzi nautici per svolgere attività di soccorso nelle acque dei laghi ma solo “in mare”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 183 del 12 giugno 2020, ha fornito chiarimenti in ordine

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.