Ambiente: al via “Clima Comune”, rete di Sindaci che sostengono “StopGlobalWarming.eu”

Ambiente: al via “Clima Comune”, rete di Sindaci che sostengono “StopGlobalWarming.eu”

Si chiama “Clima Comune” la nuova rete di Sindaci uniti dalla volontà di sostenere “StopGlobalWarming.eu”, l’iniziativa dei cittadini europei promossa da Eumans, il Movimento paneuropeo di iniziativa popolare fondato dal Tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni, Marco Cappato.

Tra gli oltre 60 Primi cittadini che hanno già aderito anche nomi illustri come quelli del Sindaco di Milano, Giuseppe Sala, quella di Roma, Virginia Raggi, quello di Napoli Luigi De Magistris. E ancora i Sindaci di Bergamo, Giorgio Gori, Palermo, Leoluca Orlando, Firenze, Dario Nardella, Bari, Antonio Decaro, Parma, Federico Pizzarotti, Pesaro, Matteo Ricci.

Obiettivo: raggiungere, entro il 22 aprile 2021, Giornata Mondiale della Terra, il milione di firme. A quel punto la Commissione europea sarebbe chiamata a discutere della Proposta di Carbon Tax, che ha il duplice intento di combattere il cambiamento climatico e aumentare l’occupazione attraverso la detassazione del lavoro. L’idea, sostenuta da 27 Premi Nobel, è infatti quella di spostare la pressione fiscale dal lavoro alle emissioni di Co2.

I Sindaci promotori di “StopGlobalWarming.eu” si sono impegnati ad informare i cittadini sulla possibilità di firmare l’Iniziativa dei cittadini europei, anche utilizzando il sito istituzionale e gli altri canali di informazione a disposizione delle Amministrazioni. Fuori dai confini nazionali, hanno già aderito a “Clima Comune” i Sindaci di importanti Città europee, tra cui Monaco, Francoforte, Dublino, Eindhoven e Dortmund.


Related Articles

La corretta attribuzione di status della Società a partecipazione Pubblica

nota alla sentenza della Corte dei conti, sez. giur. in speciale composizione, n. 16/2019 Sono tanti gli spunti di riflessione

Servizi Demografici: Viminale, “Stop alle richieste di legalizzare gli atti pubblici marocchini muniti di apostille, non occorre più dal 2016”

Le Autorità italiane continuano a richiedere la legalizzazione consolare di atti pubblici marocchini, già muniti di “apostille”, nonostante questo non

Procedimento di verifica dell’anomalia: termini flessibili

Nella Sentenza 4838 del 17 ottobre 2017 del Tar Campania, i Giudici si esprimono sulla qualificazione, in termini perentori o

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.