Amministrazioni pubbliche: i dati Istat su conti ed aggregati economici

Amministrazioni pubbliche: i dati Istat su conti ed aggregati economici

Con la Nota 24 maggio 2016, l’Istat ha reso noti i dati relativi ai conti economici annuali del Settore delle Amministrazioni pubbliche ed i principali aggregati che li compongono per il periodo 1995-2015. I dati sono risultati essere coerenti con quelli contenuti nella Notifica dell’indebitamento netto e del debito pubblico trasmessa ad Eurostat il 31 marzo 2016 e diffusa a livello nazionale il 21 aprile 2016.

Il conto economico consolidato delle Amministrazioni pubbliche e i relativi aggregati sono elaborati in conformità alle regole fissate dal Regolamento Ue n. 549/2013 (Sistema europeo dei conti – Sec2010), in vigore dal 1° settembre 2014 e dal “Manuale sul disavanzo e sul debito pubblico”.

Nel 2015 l’indebitamento netto delle Amministrazioni pubbliche (-42.388 milioni di Euro) è stato pari al 2,6% del Pil, in diminuzione di circa 6,5 miliardi rispetto al 2014 (-48.936 milioni di Euro, corrispondente al 3,0% del Pil).

Il saldo primario (indebitamento netto al netto della spesa per interessi), invariato rispetto al 2014, è risultato positivo e pari al 1,6% del Pil. L’incidenza sul Pil della spesa per interessi si è attestata al 4,2% del Pil, con una riduzione di 0,4 punti percentuali rispetto al 2014.


Related Articles

Armonizzazione: una proposta di “piano di lavoro” per rendere più agevole agli Enti Locali l’avvio della riforma della contabilità

Premessa Come ci viene esplicitamente ricordato nella Relazione illustrativa allo Schema di decreto legislativo recante “Disposizioni integrative e correttive del

Rup: non ha il compito di nominare la Commissione di gara

  Nella Sentenza n. 514 del 10 aprile 2015 del Tar Lombardia, i Giudici statuiscono che la nomina della Commissione

Enti di diritto privato e Società partecipate: le sanzioni e le scadenze in materia di “Anticorruzione” e “Trasparenza”

La disciplina sulla “Prevenzione della corruzione” e sulla “Trasparenza”,  introdotta con la Legge quadro n. 190/12, cosiddetta “Legge Anticorruzione”, ha