“Anagrafe nazionale della popolazione residente”: via libera del Consiglio dei Ministri al Regolamento

“Anagrafe nazionale della popolazione residente”: via libera del Consiglio dei Ministri al Regolamento

Il Consiglio dei Ministri ha approvato lo scorso 3 luglio 2015 un Regolamento, da adottarsi con Dpr., che adegua il “Regolamento anagrafico della popolazione residente alla disciplina che ha istituito l’Anagrafe nazionale della popolazione residente“ (Anpr).

Come ricordato nella Nota diffusa dalla Presidenza del Consiglio a seguito dell’approvazione, l’Anpr è stata introdotta nel ns. ordinamento dal Dl. n. 179/12. L’istituzione di un’unica struttura per la gestione dei dati anagrafici che subentra al precedente “’Indice nazionale delle Anagrafi, all’Anagrafe della Popolazione Italiana Residente all’Estero“ (Aire) e, gradualmente, alle Anagrafi curate dai Comuni, si inquadra all’interno del programma di accelerazione del processo di informatizzazione della Pubblica Amministrazione e di razionalizzazione e di semplificazione dell’azione amministrativa e implica la necessità di aggiornare la disciplina che regola la materia degli adempimenti anagrafici.

Il Regolamento approvato mira quindi a rendere coerenti le norme del Regolamento anagrafico con questa recente innovazione di sistema, modificando il quadro normativo per assicurare il corretto svolgimento degli adempimenti anagrafici anche all’interno del nuovo assetto.


Related Articles

Adempimenti art. 1, comma 32, Legge n. 190/2012: modalità operative invariate per l’anno 2021

Con una Nota dello scorso 4 gennaio 2021, l’Autorità nazionale Anticorruzione (Anac) ha comunicato che restano invariate le modalità operative

Incarichi di staff ex art. 90 Tuel: cessazione in caso di decadenza del Sindaco

Nella Delibera n. 86 del 23 dicembre 2019 della Corte dei conti Emilia-Romagna, un Comune ha chiesto un parere in

Trasferimento sede Farmacia: l’individuazione della via pedonale più breve può prescindere dagli attraversamenti segnalati

Nella Sentenza n. 4832 del 6 agosto 2018 del Consiglio di Stato, i Giudici si esprimono sul contenuto dell’art. 1