Anticipazione di Tesoreria

Anticipazione di Tesoreria

Nella Delibera n. 127 del 7 novembre 2019 della Corte dei conti Piemonte la Sezione, in sede di esame di un Questionario sul rendiconto 2017 di un Comune, ha evidenziato che il ricorso costante all’anticipazione di Tesoreria è un indice sintomatico di un grave squilibrio strutturale, espressione dell’incapacità di un Ente di far fronte con le entrate ordinarie ai pagamenti. L’anticipazione di Tesoreria è una forma di finanziamento a breve termine, alla quale si deve ricorrere eccezionalmente per far fronte a momentanei problemi di liquidità al verificarsi di situazioni straordinarie e imprevedibili. Laddove invece vi sia un ricorso costante e senza sostanziale soluzione di continuità all’anticipazione di Tesoreria, l’Ente sconfina in una forma (anomala) d’indebitamento, trasformando l’anticipazione in una forma di debito di medio termine senza tenere conto degli obblighi statuiti dall’art. 119 della Costituzione che pone stringenti limiti in ordine all’utilizzo dell’indebitamento, con ogni conseguenza di legge.


Related Articles

Controlli interni: Questionari da inviare alla Corte dei conti entro fine ottobre 2019

La Corte dei conti, Sezione Autonomie, con la Delibera n. 22/2019, pubblicata in G.U. Serie Generale n. 196 del 22

“Spending review”: fissati gli importi che saranno trattenuti ai Comuni per il triennio 2016-2018

Il contributo alla finanza pubblica, pari a 563,4 milioni di Euro e atteso dai Comuni per ognuno degli anni 2016,

Imu: non è tenuto a pagarla il locatore in caso di contratto di leasing sciolto e mancata riconsegna dell’immobile

Nella Sentenza n. 218 dell’8 luglio 2016 della Ctp Reggio Emilia, la questione controversa inizia con un provvedimento di diniego

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.